Tempo di lettura: 3 minuti

Mantova. La bici è una filosofia, è un ritmo, è uno sguardo sul mondo. E’ lo sguardo che unisce i cicloviaggiatori del BAM, che per la quarta edizione si ritroveranno a Mantova, dal 18 al 20 maggio, arrivando da tutta Italia e dall’estero.

Tre giorni di pedalate insieme, di racconti, di amicizie, di musica e di notti sotto le stelle. Tre giorni per ritrovarsi ancora, per condividere storie, viaggi e progetti, e per diffondere insieme la cultura sostenibile e democratica delle due ruote.

Dopo le montagne di Livigno (Sondrio) e la suggestiva Rocca di Noale (Venezia), il BAM sceglie quest’anno per suoi bamers una nuova location: è Mantova, città della cultura e patrimonio dell’UNESCO, che sta diventando sempre più anche capitale delle due ruote e punto di partenza di meravigliosi itinerari cicloturistici nel cuore della Lombardia. Un’occasione per conoscere un nuovo territorio, le sue strade bianche, le colline, i laghi e la sua enogastronomia.

Nuova sede, vecchia formula: ci sarà una grande area expo dedicata ai brand più noti, presenti con i loro prodotti dedicati al viaggio, ma anche ai piccoli produttori, agli artigiani della bici e alle associazioni e realtà territoriali che lavorano nel settore. Ci sarà l’area camp dove si può dormire insieme sotto le stelle. E poi workshop, concerti, incontri, presentazioni, feste, birre, truck food gourmet, e le pedalate insieme, alla scoperta di nuovi itinerari. Tutto senza mai occuparsi di tempi o di performance: la bici è una passione, non uno strumento per mettere alla prova se stessi. Piuttosto, per conoscersi. E per conoscere altri come noi.

Tre le pedalate alla scoperta del territorio: da 130, 70 e 50 km, sempre con uno sguardo alle bellezze del territorio e ai sapori. Tra gli ospiti, per citarne solo alcuni, grandi viaggiatori come Dino Lanzaretti, tornato di recente da uno straordinario viaggio in Siberia e in Asia (e poi a casa, sempre in sella) o Willy Mulonia, bresciano che ha attraversato tutti i continenti pedalando, fino a tutti coloro che, senza girare il mondo, usano la bici come punto di vista, per conoscere quello che li circonda, vecchi e giovani, ricchi o squattrinati, poco importa.

Molte le novità in programma, tra cui workshop per imparare a preparare le borse, il workshop di meccanica o “storytelling”, ma anche i numerosi appuntamenti con la musica live, il venerdì, il sabato sera e la domenica mattina.

Per esplorare Mantova e le sue ricchezze in bici saranno organizzati dei mini tour in Brompton, la famosa bici pieghevole inglese, che sarà possibile noleggiare al village.

Grande novità anche il pre-BAM! a Sermide, lungo il Po, in provincia di Mantova, dove, giovedì sera, per chi volesse allungare la sua esperienza, sarà possibile trovare grigliata, musica, area campeggio, docce calde e molte proposte di attività.

Il BAM! inizia infatti prima di venerdì: inizia quando i viaggiatori salgono in bici per arrivare. Ci sono gruppi già organizzati da Padova, Venezia, Firenze, Verona, Rovereto, Iseo, Brescia, Parma, Bologna, Milano, Torino, Bergamo, Rovigo, Treviso, Arles (FR), Lubiana (SLO) e dal Rifugio Lausen, sui Monti Lessini.

BAM! è il primo evento in Italia e uno dei pochi in Europa che mira a intercettare fenomeni in forte crescita come quello del bike-packing, della bici gravel e della bici avventura, oltre che quello dei piccoli e grandi viaggi.

Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.