Tempo di lettura: < 1 minuto

E’ stato pubblicato in Gazzetta il decreto che disciplina i criteri, le modalità e le procedure per l’attuazione dei Contratti di filiera e di distretto previsti dal fondo complementare al PNRR.

I Contratti di filiera costituiscono uno strumento di sostegno alle politiche agroindustriali. L’obiettivo generale è quello di finanziare programmi di investimento rivolti alle filiere, con importo compreso tra 4 e 50 milioni di euro, sostenibili dal punto di vista ambientale e innovativi dal punto vista tecnologico.

L’invito è rivolto a diverse tipologie di soggetti: società agricole e consorzi, organizzazioni interprofessionali, enti pubblici, società composte da imprese agricole e imprese commerciali/industriali, ATS e Reti.

Gli interventi – che devono essere avviati successivamente alla presentazione della domanda – riguardano gli investimenti in attivi materiali e immateriali nelle aziende agricole, nel settore della trasformazione e della commercializzazione di prodotti agricoli, nella partecipazione dei produttori ai regimi di qualità, nella promozione dei prodotti agricoli e nella ricerca e sviluppo nel settore agricolo.

Le agevolazioni concedibili sono articolate nella forma di contributo in conto capitale (dal 30% al 50% in base alla localizzazione e alla tipologia di investimento) e di finanziamento agevolato, subordinate alla concessione di un finanziamento bancario. Le risorse a disposizione ammontano a 1,2 miliardi di euro.