Tempo di lettura: 2 minuti

Bardolino, Verona  – L’edizione di quest’anno di Chiaretto on the road permette di scegliere tra tre percorsi diversi: La Rocca, Bardolino e Calmasino, tutti della durata di circa tre ore, i quali toccheranno oltre alle aziende produttrici del Chiaretto di Bardolino per le degustazioni, anche alcune zone monumentali di interesse storico e artistico.

Ogni gruppo, formato al massimo da 25 persone, sarà accompagnato da una guida turistica professionista con lo scopo di fornire informazioni e raccontare quello che i partecipanti ammireranno lungo i tre cammini.

Gli orari di partenza saranno diversi a seconda delle esigenze di ogni partecipante: 9.30 e 10.30 del mattino, oppure alle 15 e alle 16. Per partecipare è necessario acquistare il proprio biglietto.

Chiaretto on the Road rientra nel contenitore di appuntamenti “Primavera in Rosa con il Chiaretto di Bardolino”, una serie di eventi e manifestazioni con l’obiettivo di promuovere il vino rosa italiano più venduto al mondo e un segnale di ripartenza per il turismo a Bardolino. Durante tutto l’arco di tempo il paese e le sue attività saranno allestiti a tema rosa, mentre i ristoranti proporranno almeno un piatto preparato con il Chiaretto di Bardolino.

Il 15 e 16 maggio si prosegue con Chiaretto On The Road, mentre il 23 e 24 maggio toccherà a Chiaretto in Cantina, in cui le aziende produttrici di tutta l’area della denominazione aprono le porte ai visitatori su prenotazione.

Dal 29 maggio al 2 giugno tornerà, poi, lo storico Palio del Chiaretto di Bardolino, in forma rivisitata a causa dell’emergenza sanitaria, ma che comunque porterà le cantine del Chiaretto della zona classica “La Rocca” a proporre i loro prodotti sul lungolago Cornicello.

Dal 18 giugno al 21 giugno, ultimo appuntamento in cartellone, toccherà a Oggi Rosa, il grande festival dei vini rosati italiani, che porterà a Parco Carrara Bottagisio i consorzi di tutela dei vini rosati d’Italia.

Accanto al Chiaretto di Bardolino, quindi, ci sarà il Valtenesi, il Salento Rosato, il Prosecco Rosè, i rosati di Toscana e decine di altri a rappresentare tutta la Penisola nella prima grande manifestazione in Italia completamente dedicata ai rosati: «In piena sicurezza e con grande entusiasmo vogliamo tornare a rimettere Bardolino al centro della scena – ha commentato Carlotta Bonuzzi, consigliere con delega alla manifestazioni e al turismo del Comune di Bardolino – e questo è solo il primo di una serie di appuntamenti che pian piano ci riporteranno, incrociando le dita, alla normalità».

Primavera in Rosa è organizzata dalla Fondazione Bardolino Top in collaborazione con il Consorzio di Tutela Bardolino e Chiaretto e il Comune di Bardolino.