Tempo di lettura: 2 minuti

In attesa dell’inizio dei campionati giovanili, finalmente ha ripreso dopo la sospensione causa Covid-19 il settore minibasket in casa Basket Team Pizzighettone 1995. Grazie alla tenacia ed alla volontà degli istruttori, coadiuvati dal coordinatore delle attività a livello giovanile Dino “Mito” Albertoni e Luca Baroni, insieme a Francesca, Luca e Tommaso, sono stati accolti i giovani cestisti con i quali hanno dato vita al MiniCamPizzi.

A botta calda il coordinatore Dino Albertoni ha sottolineato che “tutti noi ci tenavamo tantissimo ad organizzare in sicurezza la manifestazione che negli anni precedenti si è sempre tenuta in quel di Folgaria che era sede della preparazione atletica della prima squadra, ma non potendo farlo in quella località non ci siamo mai persi d’animo, non abbiamo mollato mai ed allora abbiamo studiato questa nuova formula per permettere ai giovani cestisti di tornare a divertirsi insieme ed abbiamo programmato le attività sulle giornate intere sempre nel rispetto dei protocolli Covid vigenti. Alla fine ne è uscita una settimana davvero bella e divertente e che speriamo sia la premessa per una stagione di minibasket altrettanto stimolante“.

A prendere parte a questo evento ben 27 tra bambini e bambine che presso la palestra e l’oratorio di Regona si sono cimentati in diversi giochi alternati a momenti di basket. Nel contempo grazie alla collaborazione con la trattoria “La Pesa” di Regona i ragazzi si sono fermati a mangiare e hanno potuto sperimentare diverse attività collaterali.

Contemporaneamente grazie all’esperta Sara Sghirinzetti si è sviluppato il progetto artistico teraupetico “A caccia di Suoni”, in cui i bambini si sono trasformati in cacciatori di suoni e texture per ricreare in palestra il proprio bosco sonoro; mentre il progetto “Pre.di.spo.ne” della Federazione Italiana Pesca Sportiva ha permesso ai giovani atleti accompagnati dagli istruttori Angelo e Lorenzo di cimentarsi nella pesca presso il Lago Segugio, mentre gli istruttori durante la pescata hanno dato diverse nozioni ittiche per mettere in pratica la pesca.

A botta calda anche Luca Baroni ha sottolineato che “questo per noi è stato un punto di partenza in vista della ripresa della stagione dopo la pausa a causa della pandemia che sia noi istruttori che nei ragazzi si è fatta sentire in questi mesi; ma il bello è stato nel vedere tanti bambini felici che con i loro occhi hanno espresso felicità, ma soprattutto ci ha permesso di portare a stare insieme e di tornare a fare qualcosa è stata per noi un’enorme soddisfazione. Infine il nostro obiettivo è di cercare di far appassionare al basket questa fascia di giovanissimi e questo Minicamp posso considerarlo un grande successo“.