Tempo di lettura: 2 minuti

Verona. Luci….Motore….Azione! Arriva anche quest’anno il Believe Film Festival, il concorso di cortometraggi organizzato dall’Associazione Believe APS di Verona e rivolto a tutti i giovani under 24 anni, appassionati di cinema. Vuole dare ai giovani artisti del cinema la possibilità di mettersi in gioco nella realizzazione in autonomia di un piccolo spot. Per partecipare è necessario iscriversi ed inviare il video-spot entro il 29 novembre, seguendo le indicazioni del regolamento.

L’edizione 2020 si svolge on-line e si rivolge a singoli o gruppi di età compresa fra i 14 e 24 anni, giovani appassionati di cinema invitati a realizzare un video-spot di 40 secondi sul tema “Oltre la crisi la creatività. I giovani tra rete e relazioni salvano il cinema”.
I partecipanti dovranno realizzare un corto che tratta uno dei temi in concorso in modo libero, ovvero lanciando un messaggio personale e originale, che permetta loro di far sentire la propria voce.

Una giuria selezionata valuterà i lavori prodotti e i finalisti potranno partecipare al grande evento di Novembre, durante il quale, oltre all’assegnazione dei premi, ci saranno numerosi momenti di formazione e condivisione.

Il desiderio che sostiene la realizzazione di questo film festival è quello di unire l’apprendimento tecnico, la passione e le abilità cinematografiche alla costruzione di relazioni autentiche di amicizia, insieme ad una crescita personale e umana.

Molti aspetti, come la proposta dei temi, lo stile con cui conduciamo il Believe Film Festival e la sua stessa struttura, sono frutto di riflessioni che individuano come primo obiettivo l’educazione tramite un nuovo linguaggio, che appassiona, diverte e unisce.

Sicuri che i giovani riusciranno a portare una scintilla di bellezza con i loro cortometraggi, non ci resta che fare un grande in bocca al lupo a tutti i partecipanti. La serata di premiazione dei vincitori si svolgerà online venerdì 11 dicembre

Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.