Tempo di lettura: 2 minuti

Padernello, Brescia. “gli storici dell’arte servano a fare entrare le opere d’arte nella vita intellettuale ed emotiva di chi si occupa di tutt’altro” il pensiero di Tomaso Montanari che introduce l’incontro della rassegna “Bellezza crea bellezza” nello splendido Castello di Padernello giovedì 5 settembre, alle ore 20,30.

Una serata dedicata all’arte e alla necessità di preservare e creare bellezza per costruire un futuro, di cui il castello di Padernello e le sue vicende ne sono testimoni attivi. Sarà infatti ospite tra le mura del maniero della rassegna lo storico d’arte Tomaso Montanari, studioso del l’arte dell’età barocca e della storia del patrimonio culturale.

Professore prima alla Federico II di Napoli e ora professore ordinario di Storia dell’Arte Moderna all’Università per Stranieri di Siena, è convinto che “gli storici dell’arte servano a fare entrare le opere d’arte nella vita intellettuale ed emotiva di chi si occupa di tutt’altro”. E che “l’amore per la storia dell’arte non debba essere un fatto privato, ma pubblico e politico.

L’articolo 9 della Costituzione ha, infatti, mutato irreversibilmente il ruolo del patrimonio storico e artistico italiano, facendone un segno visibile della sovranità dei cittadini, dell’unità nazionale, e dell’eguaglianza costituzionale, perché ciascuno di noi ne è egualmente proprietario” e deve prendersene cura.

Non a caso Tomaso Montanari verrà ospitato nel Castello di Padernello, edificio del 1400, negli anni esposto all’incuria finché un manipolo di visionari, gli Amici del Castello, iniziarono a prendersi cura del maniero e a valorizzare il borgo di Padernello.

E così che da allora, grazie alla passione e alla buona volontà di donne e uomini, con un’audace opera-zione pubblico-privata, si riprese il filo per riannodare la storia di un territorio. Grazie a loro il Castello è nato a nuova vita. Ora è totalmente restaurato e trasformato in un centro attivo di promozione artistica e artigianale. Tutto questo grazie a una fondazione di volontari che negli anni si sono impegnati e hanno dedicato tempo e risorse per preservare e valorizzare un patrimonio di grande valore storico e artistico, diventato un centro di diffusione culturale per tutta la zona della Bassa bresciana.

Eticafestival è un progetto accolto e fortemente voluto dalla Fondazione Provincia di Brescia Eventi e dalla Provincia di Brescia, giunto al quarto anno. L’obiettivo di questo progetto è quello non solo di far conoscere i luoghi che hanno cambiato volto grazie a buone pratiche condivise, ma valorizzare proprio queste scelte, che hanno saputo essere lungimiranti e spesso “rivoluzionarie”, mettendole in rete e trasformandole in un esempio da riprodurre.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *