Tempo di lettura: 2 minuti

Verona. Domenica 2 aprile riapre la fattoria didattica La Genovesa, apre le porte alla primavera con una giornata per festeggiare l’arrivo della bella stagione. Con i suoi 22 ettari di terreno e la casa colonica, la Genovesa è un tuffo nella natura a due passi dalla città di Verona, un invito per chiunque voglia accogliere la primavera e  salutare i nuovi cuccioli e tutti gli animali della fattoria.

La giornata partirà alle ore 10:00 e fino alle 18:00 sarà possibile effettuare visite guidate agli animali della fattoria, costruire strumenti, cantare e divertirsi insieme con giochi di gruppo ed i laboratori creativi proposti dai collaboratori ed amici. Da non perdere, alle 11:00, lo spettacolo proposto da Circotutù e la Fabbrica delle bolle ed alle 14:30 il concerto I Puntapum con La Corte dei Bambini

Nel corso della giornata verranno presentate anche le attività e le iniziative per tutto l’anno 2017. L’entrata è libera e non è necessaria la prenotazione, sarà a disposizione un servizio bar ed un’ampia zona per picnic.

La Genovesa” è  una 
Cooperativa Sociale che gestisce un’azienda agricola biologica. Da sempre attenta 
al rispetto della natura, l’azienda dispone di 22 ettari di terreno agricolo con casa colonica, avuti in gestione nel 1982 dal Comune di Verona
 e dedicati alla produzione ortofrutticola con certificato ICEA-AIAB.

L’attenzione al biologico, la passione per gli animali da fattoria, un ampio spazio per attività sportive e la vicinanza alla città
 che permettono di proporre con soddisfazione alla cittadinanza 
e al mondo scolastico attività didattiche, educative e culturali.

La fattoria didattica La Genovesa è un parco della biodiversità dove si cerca di ricreare e mantenere specie animali e vegetali che altrimenti si estinguerebbero, attraverso la logica della salvaguardia. Le abitudini degli animali raccontano ai visitatori il ciclo della vita e delle stagioni con i colori e gli odori ogni volta diversi.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *