Tempo di lettura: 3 minuti

Bergamo. BergamoScienza, primo festival scientifico nato in Italia, ogni autunno trasforma la città nel palcoscenico della scienza, chiamando le voci più rappresentative a livello mondiale, tra cui, a oggi, ben 31 Premi Nobel.

Sono aperte le prenotazioni per laboratori e spettacoli della XIX edizione di BergamoScienza, il festival di divulgazione scientifica che torna finalmente in presenza da venerdì 1 a domenica 17 ottobre. Il programma completo è disponibile su www.bergamoscienza.it. Da mercoledì 29 settembre sarà invece possibile prenotare anche le conferenze e il concerto inaugurale. Le conferenze sono a ingresso libero, previa prenotazione, e saranno trasmesse in streaming sul sito del festival.

Coinvolge un pubblico di tutte le età, in diciassette giorni di conferenze, laboratori, spettacoli e tour virtuali alla scoperta del mondo che cambia: 2.355.921 le presenze in 18 edizioni, realizzate grazie anche all’aiuto di 39.849 volontari e con 482 scuole protagoniste.

Quest’anno, in attesa della manifestazione, l’Associazione ha replicato l’esperienza di successo dello scorso anno: un Pre Festival (dal 3 giugno al 30 settembre), con un fitto calendario di incontri in presenza – 12 date e 4 laboratori di robotica per bambini – e online, con 18 live streaming sui canali social del festival.

«Per due settimane ritorneremo ad animare la città con un’edizione che fa tesoro dell’esperienza dello scorso anno e combina sapientemente conferenze in presenza e contributi digitali, per raggiungere in tutto il mondo appassionati di scienza» dichiara Raffaella Ravasio, Presidente dell’Associazione BergamoScienza «Facciamo conoscenza è il motto del festival di quest’anno, ma è anche l’ispirazione che da quasi vent’anni ci guida nel seminare conoscenza, promuovendo una nuova cultura della divulgazione scientifica. Conoscenza perché solo conoscendo possiamo essere veramente liberi. Scienza perché nella scienza c’è il nostro futuro».

Ad aprire il palinsesto 2021 venerdì 1 ottobre alle ore 21 il concerto Piano Variations on Jesus Christ Superstar del compositore e pianista Stefano Bollani in Piazzale degli Alpini (organizzato con il festival Contaminazioni Contemporanee). In programma 16 conferenze, in Piazzale degli Alpini (nel weekend del 2-3 ottobre), al Teatro Sociale (nella settimana 4-10 ottobre) e al Centro Congressi (nella settimana 11-17 ottobre). Tanti gli appuntamenti che si potranno seguire a distanza, sul web: 60 laboratori (30 a settimana); 10 spettacoli di divulgazione scientifica (riservati alle scuole); inoltre 8 tour virtuali in luoghi di cultura e in aziende che fanno dell’innovazione e della ricerca avanzata la loro cifra distintiva.

Dopo il successo ottenuto lo scorso anno, tornano gli esclusivi tour virtuali di BergamoScienza, che consentiranno al pubblico di ammirare, stando a casa propria, luoghi solitamente poco accessibili. Si potrà entrare ad esempio nel centro di ricerca sotterraneo più grande e importante del mondo, scavato sotto 1.400 metri di roccia: i Laboratori Nazionali del Gran Sasso, ospitati in 3 sale lunghe come un campo di calcio e alte come un palazzo di 7 piani, in cui oltre 1100 ricercatori lavorano allo studio della fisica dei neutrini prodotti dal Sole o dalle esplosioni di Supernova.

Dopo un anno di stop forzato, gli istituti tornano, nel primo weekend del festival (sabato 2 e domenica 3 ottobre), ad animare diversi luoghi della Città Bassa con La Scuola in Piazza, fiera scientifica on the road giunta alla sua VII edizione. Saranno 24 le scuole coinvolte: 16 scuole secondarie di secondo grado; 1 scuola dell’infanzia e 7 scuole del primo ciclo.