Tempo di lettura: 2 minuti

Cremona. L’appuntamento con un nuovo modo di spostarsi in città è per mercoledì 17 aprile dalle ore 8 alle ore 16, quando si terrà in via Ticino Bicinvia iniziativa rivolta agli alunni della scuola primaria “C. Monteverdi”. La giornata, a cura di FIAB Biciclettando Cremona, si inserisce nell’ambito del progetto “Territorio Cremona, programma nazionale di mobilità sostenibile casa-scuola e casa-lavoro”, si concluderà con la realizzazione di una linea di “Bicibus” per sensibilizzare i bambini e le loro famiglie ad utilizzare la bicicletta per andare a scuola. Il percorso è realizzato in collaborazione con il Settore Politiche Educative del Comune di Cremona.

Le classi coinvolte potranno sperimentare a turno, attraverso i diversi laboratori, la conoscenza, l’uso e il ri-uso della bicicletta. Saranno allestite tre postazioni: “Ricicletta”, laboratorio creativo con materiali di recupero; “Gimkana”, laboratorio di educazione stradale; “Ciclofficina”, laboratorio di manutenzione della bicicletta. Quest’ultimo sarà guidato dai volontari della FIAB insieme alla “Gare des Gars” (la stazione dei ragazzi), laboratorio e luogo di aggregazione gestito dalla cooperativa Cosper. Sarà un modo per sensibilizzare i bambini all’utilizzo della bicicletta per andare a scuola.

A partire dalle ore 14 e fino alle ore 16, si terrà inoltre il laboratorio di yarn bombing “La via degli alberi colorati”. Lo yarn bombing è una tecnica di street art costituita da installazioni formate da materiale tessile lavorato a maglia o a uncinetto utilizzate per rivestire arredi urbani, alberi e altro ancora. Il laboratorio, aperto alla cittadinanza, è nato da un’idea della scuola dell’infanzia “Agazzi”, realizzato in collaborazione con l’associazione Amici di Robi e il gruppo informale di Viva Vittoria Cremona. Infine, dalle ore 16.00, “Fili di colore”, laboratorio di yarn bombing per i più piccoli rivolto a bambini e famiglie.

Le iniziative della giornata evidenziano il positivo processo di partecipazione innescato dal progetto “Cittadinanza in movimento. Sulla strada della partecipazione” il cui obiettivo primario è quello di promuovere e favorire forme di cittadinanza attiva per la cura del “bene comune”. In questa direzione si muove la rete di soggetti che si è aggregata intorno al bene comune di via Ticino.