Grumello, Bergamo. Con la Pasqua dietro le porte sono i piccoli ospiti a rivestire il ruolo di “primi attori”. Domenica 25 marzo il castello di Grumello apre le sue cucine e dà vita all’iniziativa di grande successo “Bimbi Chef”. In programma una giornata all’insegna del divertimento con i bambini che provano l’emozione unica di indossare il grembiule e mettere in testa il cappello da cuoco. Una sorta di mini “Masterchef”, appassionante e coinvolgente come il famoso programma televisivo.

Coadiuvati da esperti animatori, i baby visitatori imparano ad imbandire una tavola perfetta e a preparare uno speciale menu pasquale, con tante divertenti e golose idee che possono poi essere riproposte nella cucina di casa propria. Divisi in gruppetti i bimbi si rimboccano le maniche, scoprendo come si preparano golosi piatti come il “bruco goloso” assortimento di tartine creative per antipasto, le “chicche tricolori dei coniglietti” gnocchetti fatti a mano e lo “scherzetto pasquale” dessert a base di salame di cioccolato e pesca sciroppata.

Quindi tutti collaborano nel decorare la tavola apparecchiata nella sala da pranzo, dando forma a originali segnaposto a forma di conigli. I bimbi partecipano in prima persona alla preparazione di tutto il pranzo, stiano tranquilli i genitori: ogni cosa si svolge nella massima sicurezza in quanto i piccoli non utilizzano assolutamente coltelli e fornelli accesi, perché vengono sempre aiutati in questo dagli animatori.

Dopo tanta fatica, i bambini hanno la soddisfazione finale di servire in tavola il “loro” menu a genitori, amici, fratelli e a quanti vorranno avere come ospiti per trascorrere insieme questa bellissima festa. Nel pomeriggio è prevista un’appassionante caccia alle uova nascoste nel giardino del maniero o in caso di brutto tempo tombolata medievale al coperto.

Per concludere ricordiamo che mentre i piccoli si divertono i genitori sono impegnati nella visita guidata al maniero che tocca fra l’altro la Torre merlata guelfa, la cappella settecentesca, alcune sale interne e l’ampio cortile circondato da ippocastani secolari, partecipando poi a una degustazione guidata dei vini prodotti dalla Cantina del Castello.

Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.