Tempo di lettura: < 1 minuto

Forever young. Per sempre giovane. Non può che essere così, protetto da Mercurio, il menestrello Robert Allen Zimmerman che un giorno di qualche decennio fa arrivò a New York dal profondo nulla degli Stati Uniti. Duluth, Minnesota, dove era nato il 24 maggio 1941.

Qui cambiò il suo nome in Bob Dylan e si inventò, con quella voce e quello sguardo, una musica che cambiò la storia della musica. E che incantò generazioni di giovani.

Era il 1998 quando il Time lo incluse nella lista delle 100 personalità più influenti del secolo ed era il  2008 quando vinse un premio Pulitzer per il suo impatto sulla cultura e sulla musica americana.

Oggi che compie 75 anni…è più grande che mai.