L’Agenzia delle Entrate ha istituito il codice tributo “6897” che consente l’utilizzo in compensazione del credito d’imposta per la formazione tramite il modello F24. Il bonus spetta alle imprese che effettuano spese in attività di formazione del personale dipendente nel settore delle tecnologie previste dal Piano Nazionale Industria 4.0.

Ricordiamo che con la Legge di Bilancio 2019 l’incentivo è stato prorogato ma con alcune integrazioni a favore delle PMI.

Per il 2019 il credito d’imposta sarà riconosciuto nel limite del 50% delle spese ammissibili per le piccole e del 40% per le medie imprese con un tetto massimo di 300 mila euro. Alle grandi imprese si applicherà invece l’aliquota del 30% con un tetto massimo di 200 mila euro.

Il credito d’imposta andrà indicato nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta in cui sono state sostenute le spese, e in quelle relative ai periodi d’imposta successivi fino a quando se ne conclude l’utilizzo.