Tempo di lettura: 2 minuti

Pescarolo ed Uniti (Cremona) – Nel corso della recente assemblea dell’Auser di Pescarolo, il presidente Ivan Becchi informava della decisione del consiglio di procedere con un nuovo ciclo di borse di studio che si concluderà nel giugno 2020. Il costo totale dell’iniziativa è di 300 euro all’anno, suddivisi in buoni del valore di 100 euro per ognuno dei tre scolari più meritevoli della classe Vª, valido per l’acquisto di materiale didattico. La valutazione sarà gestita direttamente dai docenti.

Dopo contatti con gli insegnanti, per l’introduzione di eventuali suggerimenti, si è arrivati alla decisione di non imporre un titolo, ma coinvolgere gli alunni nella scelta e in proposito si è arrivati al racconto della “bella e la bestia”. In merito la responsabile Dottoressa Caterina Gozzoli ha evidenziato la sua sorpresa nel fattivo coinvolgimento dei bambini che ha sintetizzato in tre filoni e precisamente; la collaborazione e le scelte nate da un gruppo, la paura e come affrontare questo sentimento e sacrificio e salvataggio.

Il primo può essere sintetizzato nella scelta delle regole da seguire e nel rinunciare a volte al proprio pensiero, per un discorso di collaborazione nel gruppo e chiudendo con il quesito “quali regole si sono dati gli abitanti del castello?”. Sul secondo filone ci si è chiesti come affrontare questa emozione, Bella ha paura della Bestia, ma gli da ugualmente un’opportunità imparando a conoscerlo. La Bestia ha paura che Bella non ritorni più da lei, ma la lascia libera ugualmente, cosciente del rischio a quel punto di non potersi più trasformare. Il terzo filone, il sacrificio, rinunciare a qualcosa di proprio per le persone vicine a noi con gesti che a volte aiutano i personaggi a sostenersi e salvarsi da situazioni pericolose. Nella favola, il sacrificio di uno dei personaggi fa nascere sempre nuove opportunità. La stessa concludeva il suo intervento ricordando che la consegna dei riconoscimenti si svolgerà in occasione dello spettacolo di fine anno della scuola elementare.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *