Brescia. Ritorna Brescia Photo Festival, la manifestazione irrinunciabile per tutti gli appassionati di fotografia, dal 16 maggio al 2 settembre al via la seconda edizione dedicata a collezioni e collezionisti. Le grandi collezioni di Ferdinando Scianna e Mario Trevisan al Museo di Santa Giulia, di Paolo Clerici al Ma.co.f oltre a tante straordinarie mostre non solo in città.

Stimolati dal clamoroso debutto dello scorso anno, il Brescia Photo Festival, alla sua seconda edizione, accende i riflettori sull’affascinante svelamento delle grandi collezioni nascoste. Al centro dell’attenzione è dunque l’arte del collezionare immagini. Dall’accumulo quantitativo alle scelte mirate, dall’approccio monotematico a quello enciclopedico, collezionare è una pratica fondata su una profonda passione, sulla volontà di possedere e di custodire oggetti preziosi, sull’appropriazione, atteggiamento tipico anche dello sguardo del fotografo.

Numerose le mostre e gli eventi collegati al Brescia Photo Festival per un programma che quest’anno viene arricchito sia dalla collaborazione con la Provincia di Brescia che dall’inaugurazione in un momento di grande festa per la città, la partenza della Mille Miglia.

Si estende fino alla fine dell’estate, e viene ospitato non solo da prestigiosi spazi cittadini come il Museo di Santa Giulia e il Ma.Co.f. Centro Italiano della Fotografia e del Mo.Ca., ma anche da luoghi preziosi del territorio provinciale: i musei di Desenzano, Coccaglio e Montichiari.Due le mostre principali al Museo di Santa Giulia: Ferdinando Scianna. Cose, a cura di Luigi Di Corato e Percorsi paralleli. La Collezione Mario Trevisan, a cura di Mario Trevisan con Renato Corsini e Luigi Di Corato.

Tre Per Uno,  dalla Collezione Paolo Clerici, a cura di Carlotta Clerici, viene ospitata invece nella sede del Ma.Co.f. – Centro della Fotografia Italiana presso Palazzo Martinengo Colleoni (Mo.Ca.) e presenta la collezione di Clerici. La manifestazione coinvolge anche altre istituzioni e spazi espositivi della città: partecipano infatti il Museo Nazionale della Fotografia di Brescia con le mostre Mario De Biasi e un’esposizione di scatti realizzati sul set del film Ossessione di Luchino Visconti del 1943 dall’archivio di Pietro Delpero; l’AAB Associazione Artisti Bresciani –  con la mostra 1976-2018.Foto di gruppo con bresciani; l’Università Cattolica con il progetto espositivo Immagini oltre la storia. Da Jünger a oggi, riflessioni contemporanee sul reale; la LABA con la mostra “L’occhio della passione – L’attrazione del collezionista”; la Fondazione Berardelli con la mostra Volti, Azioni, Oggetti. La Poesia Visiva nelle fotografie della collezione Berardelli e Planet Vigasio con la mostra Fotografia moderna. La collezione di Ivano Catini.

Ma non è tutto. Quest’anno il Brescia Photo Festival si estende anche sul territorio provinciale. A Desenzano del Garda, con le due mostre che uniscono collezionismo, glamour e fotografia, che provengono dalla collezione del Ma.Co.f e che vengono ospitate dalla Galleria Civica di Palazzo Todeschini: Star & Starlette. I miti del cinema dagli anni ’50 ad oggi e Chapeau!  La magia e l’arte del cappello nelle fotografie.

La Franciacorta accoglie invece il magnetismo esotico dell’Oriente al Museo Mazzocchi d’Arte Orientale di Coccaglio con la mostra Giappone 1923 Collezione Antonio Locatelli e infine al Museo Lechi di Montichiari viene allestita la mostra L’età dell’eleganza. Memorie fotografiche dalle collezioni di nobili famiglie. Completano la proposta momenti di confronto, grazie agli incontri con i collezionisti e i grandi fotografi presenti nelle collezioni e alla rassegna cinematografica dedicata al tema dal Cinema Nuovo Eden.