Tempo di lettura: 2 minuti

Brescia. “Patrimoni” il titolo dell’edizione 2021 del Brescia Photo Festival che invade con una serie di mostre diffuse, tra musei e luoghi storici, la città. La kermesse non poteva che celebrare il ritorno della Vittoria Alata, una delle più straordinarie statue in bronzo di epoca romana, dopo due anni di restauro, attraverso un programma di mostre ed eventi fotografici.

A seguito dei provvedimenti per contenere la diffusione della pandemia, nuove date per la IV edizione del Brescia Photo Festival che torna fino al 17 ottobre.

Interamente dedicato ai patrimoni culturali, archeologici e storici interpretati dall’obiettivo di autori quali Elio Ciol, Donata Pizzi, Gianni Berengo Gardin, Maurizio Galimberti, Giovanni Gastel, Franco Fontana, Federico Veronesi e molti altri. Tra gli appuntamenti più attesi, vi è Alfred Seiland. Imperivm Romanvm. Fotografie 2005-2020, la prima retrospettiva italiana del fotografo austriaco.

L’iniziativa, con la curatela artistica di Renato Corsini, è promossa dal Comune di Brescia e da Fondazione Brescia Musei con la collaborazione di MaCof -Centro della fotografia italiana. Il tema di quest’anno, Patrimoni, si collega alle celebrazioni per il ritorno a Brescia della Vittoria Alata, una delle più straordinarie statue in bronzo di epoca romana, portavoce del valore culturale e identitario del patrimonio della città, dopo due anni di restauro a cura dell’Opificio delle Pietre Dure di Firenze.La valorizzazione l’intera area archeologica Brixia –Parco Archeologico di Brescia Romana, nella ricorrenza del decennale del riconoscimento Unesco al sito “Longobardi in Italia. I Luoghi del potere” prelude al cammino culturale che, nel 2023, consacrerà Brescia come Capitale italiana della cultura con Bergamo.

“Una città e il suo importante lascito storico e artistico, l’interpretazione che ne offrono lo sguardo e l’obiettivo dei più importanti nomi della fotografia italiana e internazionale, un percorso espositivo che si snoda fra decine di luoghi, una rete di collaborazioni che coinvolge pubblico e privato: questa edizione del BresciaPhotoFestival si conferma come uno degli appuntamenti di punta della programmazione culturale cittadina, un progetto ancora giovane ma subito diventato grande”  sottolinea la Vicesindaco e Assessore alla Cultura del Comune di Brescia, Laura Castelletti.

“Coniugare e far convivere la creatività dei fotografi con l’esigenza di documentare i Patrimoni archeologici, naturali e culturali della nostra civiltà è stata la grande sfida imposta dal tema di questa quarta edizione del Brescia Photo Festival, afferma  Renato Corsini, curatore artistico del Brescia Photo Festival. Ne è scaturito un percorso artistico di grande interesse e ricco di spunti di riflessione che ha trovato terreno particolarmente fertile nel confronto tra i diversi stili con i qualigli autori hanno affrontato la rappresentazione del medesimo soggetto: una finestra aperta sul rapporto tra le arti figurative e il loro linguaggio espressivo”.

Il programma.