Tempo di lettura: 4 minuti

Verona – “Såm” è una parola di origine cimbra e significa “seme”. Såm è uno strumento di esplorazione visiva del territorio montano della Lessinia, la zona prealpina tra le province di Verona, Vicenza e Trento. Såm è l’idea di fare dialogare la fotografia con il cinema.

Såm è riuscito a coinvolgere il Film Festival della Lessinia e la Galleria d’arte Fonderia 20.9 in un bel progetto creativo, saranno i contenitori di una residenza per artisti, un workshop con docenti di livello internazionale ed una serie di eventi culturali legati alle tematiche della montagna e della ricerca visiva.

Såm ogni anno inviterà artisti che lavorano con l’immagine, per conoscere, fare conoscere e fare ri-conoscere un luogo ricco di storia, tradizioni e caratteristiche territoriali uniche. Såm è un percorso triennale che ogni anno porterà ad una mostra, un’installazione ospitata dal Film Festival della Lessinia durante l’annuale edizione a Bosco Chiesanuova che nel 2018 si terrà dal 24 agosto al 2 settembre.

Il prossimo evento del progetto Såm, una mostra dal titoloCalamita/à project – An investigation around Vajont“, si terrà sabato 31 marzo presso la sede di Fonderia 20.9 a Verona, con il seguente programma:

  • ore 18.00 – Talk introduttiva con i curatori del progetto Marina Caneve e Gianpaolo Arena;
  • ore 19.30 – Inaugurazione della mostra.

Il 9 Ottobre 1963 alle ore 22.39 il Monte Toc frana nel bacino artificiale della diga del Vajont.

Nomen Omen” è una locuzione latina che, tradotta letteralmente, significa “il nome è un presagio e deriva dalla credenza dei Romani secondo cui nel nome era indicato il destino delle persone e delle cose. La montagna su cui è ancorata la diga del Vajont, tuttora integra e stabile, porta il nome di Monte Toc, ovvero monte marcio, putrido, franoso. Lo stesso nome del Vajont ha oggi acquisito un’accezione e un valore catastrofici nella coscienza collettiva. Vajont, in origine, era la valle attraversata dall’omonimo torrente, prima che la catastrofe innescata in potenza con trent’anni di anticipo, poi manifestatasi violentemente la notte del 9 ottobre 1963, rendesse tristemente noto questo luogo.

“Il Grande Vajont” ha invece nel suo nome il manifesto programmatico dell’ambizioso progetto che avrebbe dovuto sfruttare le riserve di acqua delle Dolomiti per servirsi dell’energia gravitazionale sotto forma di potenza idrica e rifornire così di elettricità Venezia e il Triveneto. Nel 1940 la SADE, Società Adriatica di Elettricità, diventata poi Enel, avanza una richiesta di autorizzazione per la costruzione di una grande diga, all’epoca la più alta del mondo, che è poi diventata lo scenario e il monumento della gestione del potere e della vergogna della politica. La diga ha retto perfettamente alla violenza del crollo della montagna nell’invaso del Vajont. Dove l’onda distruttiva è passata, nulla è rimasto integro. I morti accertati sono 1.917.

Dal 1963 a oggi, sono passati molti anni, si sono svolti numerosi processi e sono state avviate ricostruzioni urbanistiche controverse, ma la ferita è dolente. Nella nostra opinione è determinante continuare a parlarne ancora nel 2016, in un momento storico in cui lo sfruttamento energetico del territorio e la sua salvaguardia non sempre sono attuati con gli stessi strumenti. Le analogie con il presente sono molto evidenti e si ripetono anche negli eterni conflitti di interessi, nella corruzione degli apparati di controllo, nella privatizzazione dei profitti e nella socializzazione delle perdite. Il nefasto caso del Vajont appare a tutti gli effetti come una delle vicende cardine del ‘900 italiano, un buco nero di senso e di significato in cui è ancora facile cadere. Un simbolo dell’Italia contemporanea.

In questo contesto, il progetto “Calamita/à” nasce dall’urgenza di investigare il territorio in cui l’evento catastrofico ha alterato ogni equilibrio, spezzato la corretta e ordinata linea della scansione temporale e frammentato i luoghi, le storie e le vite. Il presente a volte è indifferente e disattento, malgrado questo ci teniamo in vita meditando sul cumulo delle tradizioni e dei ricordi che conserviamo nel cuore. In molti hanno cercato con fatica di dare una forma allo scorrere del tempo. In un certo modo, è come se l’onda avesse trascinato via con sé il passato e il futuro di una comunità di persone. Il tempo si è cristallizzato in un eterno presente.

Il progetto “Calamita/à” agisce sul territorio in maniera interdisciplinare esplorando attraverso l’interazione tra i lavori degli autori le molteplici sfaccettature di un unica vicenda, emblematica e rappresentativa del ‘900 italiano. “Calamita/à” è una piattaforma di ricerca indipendente sul contemporaneo che nasce da una riflessione sui territori del Vajont e unisce pratiche artistiche e scientifiche per indagare i fenomeni di trasformazione del territorio in seguito ad un evento catastrofico. Il progetto è formato da una rete di autori che decidono di contribuire realizzando delle opere “site specific” e da numerosi collaboratori che supportano il progetto. I curatori si occupano di promuovere il progetto e coordinarlo.


Fonderia 20.9 è situata a Verona nel quartiere Veronetta, vicino alla storica fonderia di campane Cavadini. Fonderia 20.9 è un’associazione culturale che si occupa di fotografia contemporanea. Nata nel 2015, al programma espositivo di artisti sia emergenti che affermati, affianca un lavoro di aggregazione sul territorio rivolto a chiunque si interessi di arti visive e senta il bisogno di condividere e confrontarsi con altri autori. Uno spazio aperto dove lavorare a progetti personali o comuni. Fonderia 20.9 è anche una piccola ma ricercata biblioteca, uno spazio per le proiezioni e un laboratorio di stampa per gli associati.

Il Film Festival della Lessinia è, in Italia, l’unico concorso cinematografico internazionale esclusivamente dedicato a cortometraggi, documentari, lungometraggi e film di animazione sulla vita, la storia e le tradizioni in montagna. Nato nel 1995, su iniziativa dell’associazione Curatorium Cimbricum Veronense, come rassegna videografica dedicata alle montagne veronesi, il Film Festival ha via via allargato il suo interesse alle montagne di tutto il mondo, escludendo per regolamento le opere dedicate allo sport e all’alpinismo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *