Tempo di lettura: 3 minuti

Cremona. È un quartiere in perenne fermento quello del Cambonino, tra attività al museo della Civiltà Contadina, eventi, spettacoli, danze e teatro si candida a quartiere vivo della città. Nel prossimo fine settimana in arrivo l’evento “CamboSport 2019, un quartiere che si mette in gioco”.  Torna anche quest’anno sabato 1 giugno dalle ore 14.30 fino alle ore 18.30 un pomeriggio all’insegna dello sport, nell’ambito del progetto regionale SPORTOUT, promosso e sostenuto dalla Regione Lombardia e dal Coni.

Finalità del progetto SPORTOUT è incentivare la pratica motoria in maniera diffusa sul territorio lombardo con l’obiettivo di promuovere corretti e sani stili di vita nonché l’etica nello sport.

CanboSport 2019, coerentemente con gli obiettivi del progetto regionale, intende promuovere la valenza sociale ed educativa dello sport, favorire l’accesso alla pratica sportiva garantendo il diritto allo sport per tutti, valorizzare un’area periferica della città anche attraverso la realizzazione di eventi di carattere sportivo. In tal modo, lo sport si fa veicolo di sviluppo per il singolo e per la comunità.

Dunque, alle ore 14.30, nel giardino della scuola primaria “G.Miglioli” in viale Cambonino n. 10, il Complesso Bandistico Città di Cremona darà il “la” alla manifestazione che sarà quindi salutata da “Viva lo sport”, coreografia eseguita da alunne e alunne della scuola stessa. A seguire, avranno inizio le attività realizzate dalle molteplici associazioni sportive coinvolte.

Saranno infatti attivate postazioni in cui genitori e figli insieme potranno sperimentarsi, in maniera “leggera e giocosa”, in varie discipline nell’ottica della sensibilizzazione alla pratica sportiva. In tal senso sono pensate le postazioni dedicate al basket con la Sansebasket, all’atletica l’Atletica Arvedi, al judo con il Kodokan, al volley con l’Esperia, al calcio il Torrazzo Malagnino, al rugby Lions, al tennis-tavolo con la Dinamo Zaist mentre la Zenith gestirà un’area dedicata ai più piccoli.

Inoltre, sarà allestita un’area destinata principalmente a preadolescenti e adolescenti con un’attività più prossima alla sensibilità e agli interessi dei giovani: il parkour, disciplina metropolitana “coltivata”, a Cremona, dall’ASD Line Breakers.

Grazie alla sinergia con il Terzo Settore, sempre più sensibile a promuovere e incentivare stili di vita corretti, sani e sostenibili, sarà possibile divertirsi con ulteriori attività. Infatti, arrivando in viale Cambonino 10 in bicicletta, grazie ai volontari di FIAB Cremona Biciclettando, sarà possibile percorrere una gimkana imparando a conoscere e a rispettare le regole della strada; l’associazione Confluenze Armoniche consentirà di sperimentare lo “yoga della risata”; la presenza dell’Ambulanza dei Pupazzi, a cura del Gruppo Giovani della Croce Rossa Italiana – Comitato di Cremona, permetterà ai più piccoli di avvicinarsi, attraverso il gioco, alle più comuni pratiche di primo soccorso prendendo coscienza delle varie fasi dell’emergenza ed imparando ad affrontarle. Sarà inoltre presente il presidio del progetto “Cantieri Sportivi” come attività di inclusione sociale attraverso lo sport.

CamboSport 2019 è realizzato in sinergia con la Scuola Primaria “G.Miglioli” e con l’I.I.S. “J. Torriani”/indirizzo sportivo ed in collaborazione con il Comitato di Quartiere 4 Cambonino e con il Centro Quartieri e Beni Comuni del Comune di Cremona. La manifestazione si intreccia, quest’anno, con il Terzo Settore e con la Festa del Volontariato Cremonese che si articola anche in varie occasioni di Festa Diffusa sul territorio. Preziosa anche la collaborazione con l’I.I.S. “L.Einaudi” di Cremona che vedrà la partecipazione di studentesse e di studenti che accompagneranno i giovanissimi partecipanti attraverso le varie postazioni favorendo la sperimentazione delle varie attività in programma.

Un pomeriggio intenso e ricco di proposte che sarà realizzato anche in caso di maltempo presso gli spazi coperti degli Istituti Scolastici coinvolti. La partecipazione all’iniziativa è libera e gratuita e saranno distribuiti simpatici gadget a tutti i partecipanti.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *