Tempo di lettura: 3 minuti

Valvestino, Brescia. “A piedi ci muoveremo tra trincee e presìdi militari, tra piccoli musei e cimeli; incontreremo persone ed esperienze; gusteremo ricordi, spettacoli, prodotti di quelle terre. Faremo memoria del nostro passato per crescere nel nostro futuro.”

È l’invito di CamminaForesteLombardia una proposta che ERSAF ha lanciato nella prima edizione 2017: un trekking di 42 tappe attraverso le 20 Foreste regionali, dall’Isola Boschina sul Po alla Costa del Palio in faccia al Resegone, passando per il Parco dello Stelvio e diverse riserve naturali.

Circa 1.000 km da fare a piedi o in bicicletta. Per i più arditi tutto, oppure a tratti, anche di una sola giornata. Dormendo nei rifugi e negli ostelli o portandosi la tenda nello zaino. Scoprendo luoghi meravigliosi a poca distanza da casa. O in località mai raggiunte prima.

A cent’anni dalla conclusione della Grande Guerra, ERSAF propone con CamminaForesteLombardia alcune escursioni e trekking per recuperare la memoria di un evento che ha cambiato il volto dell’Europa, riscoprendo la bellezza del territorio lombardo, la sua cordiale ospitalità, la sua buona gestione.

Così quest’anno il trekking CamminaForeste continua attraverso i luoghi e le testimonianze legate al primo conflitto mondiale nel Parco dello Stelvio e nelle foreste regionali Val Lesina, Val Gerola e Gardesana Occidentale.

– Nel 2018, a cent’anni dalla conclusione della Grande Guerra, ERSAF propone con CamminaForeste 2018 alcune occasioni per recuperare la memoria di un evento che ha cambiato il volto dell’Europa, riscoprendo insieme la bellezza del territorio lombardo, la sua cordiale ospitalità, la sua buona gestione – sottolinea la Presidente di ERSAF Elisabetta Parravicini –In particolare il Parco Nazionale dello Stelvio organizza, ogni mercoledì sino al 5 settembre, escursioni settimanali accompagnate da una Guida Parco, in aree di particolare rilevanza storica quali il Monte Scorluzzo, Le Rese e il Filon del Mot dove si incontrano numerosi reperti bellici significativi: resti di baraccamenti, di trincee e fortificazioni, gallerie e veri e propri villaggi militari. Durante la prima Guerra Mondiale tutta l’area dello Stelvio fu infatti densamente militarizzata e considerata particolarmente strategica; gran parte della rete di percorsi militari faticosamente costituita in quei tre anni, strade, mulattiere e sentieri, rappresenta oggi una possibilità di escursionismo intelligente, nel ricordo di un momento storico tanto drammatico.

  • Parco Nazionale dello Stelvio (SO): luglio-agosto-settembre – programma (i dettagli delle escursioni e le modalità di iscrizione sono consultabili nella sezione “Speciale Stelvio” del programma)
  • Foreste regionali Val Lesina e Val Gerola:  9-12 agosto – programma – iscrizioni entro il 6 agosto.
  • Foresta regionale Gardesana Occidentale: agosto-settembre – programmaSaranno quattro le giornate dedicate alle escursioni nell’Alto Garda bresciano. Le zone perlustrate saranno l’altopiano di Tignale, il Passo della Fobbiola, Monte Carone passando per la Batteria Ariotti fino a Monte Stino, Bocca Cocca e Bezplel, tra Valvestino e Capovalle.

Filo conduttore sarà, in occasione del centenario della fine della prima guerra mondiale, ripercorrere le zone dove il conflitto è stato vissuto, senza però lasciarsi sfuggire le bellezze dei panorami e della natura, unendo sport e cultura.

Dal 1 agosto al 9 settembre ERSAF allestirà inoltre nella sede del Comune di Valvestino la mostra “Il paesaggio dell’Alto Garda Bresciano ai tempi della Grande Guerra: alcuni scatti inediti dall’archivio dell’Istituto Geografico Militare di Firenze”. Programma

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *