Tempo di lettura: 3 minuti

Val Trompia, Brescia. La vita dei carbonai era una vita dura, legata al bosco, alla manualità e al sapere tramandati oralmente, perché trasformare la legna in carbone era un’arte, per questi “artigiani del fuoco“.  Per mesi i carbonai si trasferivano nei boschi, a volte con tutta la loro famiglia. Quella dei carbonai è tra i lavori della montagna che più testimoniano una secolare esistenza di duro lavoro.

Come per tanti lavori e tradizioni legate all’esistenza sui monti quella dei carbonai è tra le più affascinati, l’associazione Scopri Valtrompia propone una giornata dal titolo: “Camminata nel passato, dal Neolitico ai carbonai”, domenica 19 giugno, aperta a tutti.

La camminata si snoda nella prima parte lungo il facile Sentiero dei Carbonai, un percorso tra i boschi di circa 1 km lungo nella Val Cavallina di Pezzaze, in un territorio dove la produzione del carbone si è mantenuta viva fino agli anni Sessanta del Novecento. Lungo il suggestivo sentiero si possono osservare i resti di aie carbonili (aiali), baite e calchere (forni temporanei per la produzione della calce) presso le quali pulsava una tradizione del lavoro in stretto rapporto con l’attività mineraria e metallurgica.

Sia per il taglio dei boschi che per la preparazione della legna e la carbonizzazione, il carbonaio praticamente viveva nel bosco tutto l’anno, trasferendosi con la famiglia nelle baite che venivano costruite vicino alle aiali. Il Sentiero dei Carbonai si sviluppa quasi pianeggiante attorno ai 670 mt e il percorso propriamente escursionistico prosegue fino alle pendici del Monte Guglielmo. Pannelli informativi e di gioco accompagnano la visita nel tratto attrezzato.

La giornata non finisce con la camminata, l’associazione Scopri Valtrompia per la giornata di domenica 19, oltre alla scoperta del mondo dei carbonai, curiosità su piante, alberi e animali; propone la visita ai due musei della Valle e un laboratorio didattico per bambini

Ecco il programma:

La giornata si divide in due parti: la prima è una Camminata al Sentiero dei Carbonai di Pezzaze, la seconda è la visita al Museo Orma, Torre medievale e Laboratorio presso l’Archeolab.

  • Camminata sul Sentiero dei Carbonai. Descrizione percorso: escursione di facile percorrenza, di una durata di circa ore 3,30 comprensive di soste. Il percorso si snoda per circa 5 km di lunghezza, presenta un dislivello positivo di 126 m. Quota minima alla partenza 585 m.s.l.m. e quota massima 711 m.s.l.m. Guide Ambientale Escursionistica Associata AIGAE e guide ScopriValtrompia al Museo Orma, Torre Medievale e Archeolab

Orario e luogo di ritrovo: ore 9:00 davanti alla pizzeria trattoria Orchidea a Pezzaze (via Angelo Bregoli, 37). Essendo un’escursione dal carattere divulgativo è consigliabile la partecipazione a persone di età superiore ai 4 anni. La presenza dei cani o altri animali domestici non è ammessa su tutto il percorso.

Equipaggiamento obbligatorio: abbigliamento escursionistico a strati, scarpa da trekking con buona tenuta, giacca anti-pioggia e mascherina. Si raccomanda di munirsi di frutta secca o disidratata, biscotti secchi e barrette cereali e avere con sé almeno 1 litro d’acqua.

Assicurazione: Vi è la possibilità di assicurarsi tramite l’app Trip&Trek inserendo il codice promozionale guida LO716

  • Visita alla Collezione Etnografica Costanzo Caim presso la Torre medievale e il Museo Archeologico Orma a Mondaro (1 ora)
  • Laboratorio “Intreccio, incrocio e faccio un cesto”: – Intreccio rafia: cesti e treccia (circa 1 ora e 30 minuti)

Prenotazione obbligatoria entro 18 giugno 2022 inviando una mail a [email protected] oppure telefonando o mandando un messaggio whatsApp al 333-1425093 e attendendo riscontro.

Pasti: pranzo al sacco (non incluso). C’è la possibilità all’arrivo dell’escursione a piedi (verso le 13,00) di mangiare qualcosa presso il bar La Torre a Mondaro oppure presso la pizzeria trattoria Orchidea.

Costo a presona: 15 euro. La quota comprende: accompagnamento di Guida Ambientale Escursionistica, ingresso e visita guidata al Museo Orma e alla Collezione Etnografica Costanzo Caim, laboratorio “Intreccio, incrocio e faccio un cesto”. La quota non comprende: trasporti e pasti; quanto non contemplato nella voce “La quota comprende”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome