Nell’ 8ª giornata di andata del campionato di serie A2 femminile, girone Nord, dominio delle squadre viaggianti con 4 vittorie esterne su 6 e 2 gare rinviate causa Covid-19.

Al comando troviamo la Parking Graf Crema (Nori 17) che cade in trasferta per la seconda volta consecutiva che dopo un inizio da brividi (10 a zero dopo 4′), non gestisce 10 lunghezze di vantaggio a fine 3° quarto e viene superata da Sarcedo (Pieropan 19) grazie ad un canestro di Viviani a 9” dalla fine.

Della sconfitta della compagine cremasca ne approfitta la Delser Crich Udine (Cvijanovic 25) che grazie ad un gioco da 3 punti dell’ex Team Crema Scarsi supera in volata le milanesi de Il Ponte Casa d’Aste SanGa Milano a cui non sono bastati i 26 punti di Toffali, agganciando Vicenza fermata dal Covid-19 nel match clou di giornata in casa contro l’Autosped Castelnuovo Scrivia, la quale viene agganciata dalla MantovAgricoltura San Giorgio 2000 (Marchi 21) che sotto di 9 lunghezze a pochi secondi dalla fine dell’ultimo agguanta l’overtime in trasferta sul campo della pericolante Fanola San Martino di Lupari (Rosignoli 15) che nell’extra time segna la miseria di soli 3 punti, come nel match del 2° turno contro l’Edelweiss Albino, sprecando un vantaggio di 15 lunghezze a metà gara.

Alle spalle di questo terzetto troviamo la coppia composta da Autosped Castelnuovo Scrivia ed il sorprendente Sarcedo che si conferma squadra ammazzagrandi, infatti, dopo aver superato in precedenza Moncalieri, la squadra di coach Zimerle fa altrettanto superando la capolista Crema.

Al loro inseguimento troviamo, in un affollato centro classifica, ben 4 formazioni che devono recuperare almeno una gara. Tra queste troviamo una delle favorite alla vittoria finale, ovvero la Akronos Moncalieri ancora ferma ai box causa Covid-19 al pari della Itas Alperia Bolzano, mentre hanno giocato regolarmente le milanesi de Il Ponte Casa d’Aste SanGa Milano e la Drain by Ecodem Alpo Villafranca, con le scaligere (Dell’Olio 14) che dilapidano un vantaggio di 17 lunghezze a metà gara e che si impongono di misura sul campo dell’Edelweiss Albino (Veinberga 18 con 6 su 12 da 3 punti) grazie a 2 tiri liberi di Vespignani a pochi secondi dal termine.

Appena sotto il quartetto sopra menzionato troviamo la coppia composta da Edelweiss Albino e Schiavon Ponzano Veneto, con le trevigiane (Iannucci e Miccoli 26 a testa) che si aggiudicano il delicato scontro salvezza sul campo della Blackiron Carugate (Canova 25) e che rimangono l’unica formazione ancora all’asciutto e precedono il Fanola San Martino di Lupari, sconfitto in casa dal sorprendente MantovAgricoltura San Giorgio 2000 che passa in terra patavina dopo un overtime.