Nella 26ª giornata, ultima del girone di ritorno e della regular season, erano in programma gli ultimi verdetti per la classifica finale in vista dei playoff per la promozione in serie B e dei playout per evitare la retrocessione in Promozione.

Al comando e testa di serie n.1 è la Fortitudo Brescia (Frusca 24) che si impone in trasferta sul campo mantovano della Nutritech Sustinente (Tardiani 19), mentre alle spalle della compagine bresciana troviamo il MantovAgricoltura San Giorgio (Monica 22) che passa sul difficile campo della MecSystem Visconti Brignano Gera d’Adda (Moro 17) che si giocava le residue chances di qualificazione ai playoff.

A chiudere il podio troviamo le milanesi del Melzo (Comaschi e Polzoni 19) che si impongono anch’esse in trasferta sul campo del San Gabriele Milano (Hernandez 22) che con questa sconfitta scende addirittura al 7° posto, anch’essa era in lizza per il 4°posto che al termine è andato al Quartiere Sant’Ambrogio Milano che davanti al pubblico amico si è imposto sull’Unica Milano Stars.

Alle spalle delle santambrogine troviamo la coppia composta da MecSystem Visconti Brignano Gera d’Adda e dalle pavesi dell’Here You Can Sparks Siziano che si impongono in trasferta sul campo del già retrocesso San Pio X Milano e precede le milanesi del San Gabriele Milano.

Più dietro troviamo la coppia composta da Bf.Crema e Nutritech Sustinente che a sua volta precede l’Idea Sport Milano e l’Assisi Milano che si sono affrontate nello scontro diretto e che disputeranno i playout insieme a Soluzione Udito Pizzighettone ed Unica Milano Stars.

Pper i colori cremonesi la giornata era all’insegna del derby tra Soluzione Udito Pizzighettone e Bf.Crema che al termine di una gara non bella, caratterizzata da molti errori, ha visto prevalere la compagine pizzighettonese trascinata dai 17 punti dell’ex di turno Alessia Benevelli insieme ai 12 punti dell’altra ex Marta Mola.

Per la compagine cremasca una sconfitta indolore, non sono bastati i 9 punti di Maiocchi, e che ha pagato i molti errori al tiro specie nell’ultimo quarto e nell’overtime, dove le difese hanno prevalso sugli sterili attacchi e che si è conclusa con la vittoria della formazione di coach Romagnoli per 42 a 39.