Nella 25ª giornata, decima del girone di ritorno era il giorno della sfida al vertice tra la vice capolista Seriana Stampi Nembro e la capolista Juvi Ferraroni Cremona.

Alle spalle della coppia cremonese-bergamasca troviamo i mantovani dell’Ecology System Viadana (Cacciavillani 17) che dopo una gara sofferta si impongono in trasferta sul campo della pericolante Gamma Segrate (Azjin 22) e mantiene un discreto vantaggio sull’Imbalcarton Prevalle (Basiuk 17) che con qualche difficoltà si sbarazza della neopromossa Pontek Bancole (Faccioli 14).

Dietro alla compagine valsabbina in caduta libera dopo il caso Hawkins troviamo il Sesa Sustinente (Buzzi 17) che cede nel derby virgiliano sul campo della Negrini Quistello (Mauceri 24) che si mantiene in zona playoff e si porta a 4 punti dai rivali e viene raggiunta dalla Sas Lic Verolanuova (Pasini 22), prossima avversaria di Cazzaniga e compagni, che in rimonta si impone in casa ai bergamaschi della XXL Bergamo (Galbiati 23), mentre appena sotto troviamo la coppia composta da Pontek Bancole sconfitta a Prevalle dall’Imbalcarton e la Fortitudo Busnago (Brioschi 27) che si impone senza problemi contro la pericolante Ladyleaf Tomasi Auto Asola (Corona 18).

A seguito della coppia virgiliana-brianzola è bagarre per la salvezza diretta e per la zona playout dove troviamo la coppia composta da Cittadini Sarezzo (Franzoni 14) che cede a sorpresa nel derby bresciano sul campo del fanalino di coda Virtus Brescia (Thioune 17) e Negrini Quistello vincitrice nel derby mantovano contro il Sesa Sustinente e mantengono 4 punti di vantaggio sulla XXL Bergamo sconfitta a Verolanuova dalla Lic.

Alle spalle della formazione bergamasca troviamo il terzetto composto da Remer Rubinetterie Blu Orobica Bergamo, Gamma Segrate e Virtus Gorle con le 2 compagini orobiche che si sono affrontate nello scontro diretto. Al termine di 40’ equilibrati l’ha spuntata la compagine di coach Braga trascinata dai 25 punti di Rota, mentre per i gorlesi non sono bastati i 20 punti dell’ex di turno Nani e come detto insieme alla coppia orobica troviamo i milanesi del Gamma Segrate che sfiorano il colpaccio in casa contro la terza forza del girone ovvero l’Ecology System Viadana. Alle spalle di questo terzetto troviamo la Ladyleaf Tomasi Auto Asola sconfitta a Busnago dalla Fortitudo che a sua volta precede il fanalino di coda Virtus Brescia che tiene ancora accese le flebili speranze di acciuffare la zona playout.

Come detto era il grande giorno della sfida al vertice tra i padroni di casa della Seriana Stampi Nembro e la capolista Juvi Ferraroni Cremona che al termine di 40’ molto combattuti ha visto prevalere la compagine bergamasca che grazie a questo successo si porta a soli 2 punti dalla formazione cremonese.

Il match dopo un primo quarto equilibrato e chiuso sul 18 a 15 dai bergamaschi, nel 2° periodo ha visto l’allungo della formazione di casa che si porta sino a +11, poi nel finale gli amaranto-oro recuperano e vanno al riposo con solo 6 punti da recuperare sul risultato di 34 a 28. Al rientro dagli spogliatoi si segna poco ed i padroni di casa tornano avanti di una decina di lunghezze, poi altra reazione dei ragazzi di coach Brotto che trascinati da Cazzaniga ed Asan si riportano a -3 al 30’ sul punteggio di 40 a 37.

Nel quarto conclusivo la Juvi Ferraroni tocca il massimo vantaggio sul 40 a 47, ma a questo punto i seriani iniziano la rimonta e a 40” dal termine Ndiaye riporta avanti la Ferraroni sul 51 a 52 con un 1 su 2 dalla lunetta. Sul ribaltamento di fronte i locali perdono palla e la Juvi Ferraroni recupera palla ma commette infrazione di 24”, con coach Brotto che chiama il time out. Alla ripresa del gioco sulla rimessa in gioco dei padroni di casa la palla giunge ad Orlandi che sgancia la tripla del definitivo 54 a 52. In questa gara da segnalare i 15 punti di Silva per i seriani, mentre per i cremonesi il solito Moreno ha chiuso a quota 17.