Cannes (Francia) – Sinceramente prediligo alla stragrande mete culturali e naturalistiche ma ci troviamo in zona e una capatina a Cannes ci sta.

Così ci dirigiamo verso la costa: la giornata è splendida e il mare nella stagione fredda mi piace sempre più. Il litorale, costeggiato da un lungo filare di palme, è splendente e la spiaggia, nonostante ci troviamo in pieno inverno, è popolata da turisti, bambini che corrono e giovani coppiette.

Famosa per il suo Festival e per il lusso sfrenato – come mostrano le vetrine con le firme più prestigiose dell’alta moda internazionale ed i numerosi Yacht attraccati al porto – Cannes ha negli anni rubato il primato balneare alla vicina Nizza grazie alle sue lunghe spiagge sabbiose e ad un mare che ben si presta al denso turismo estivo.

Dopo aver assaporato un po’ di brezza marina percorriamo la città nelle sue lunghe vie costellate di negozi cercando di spiare ciò che espongono le varie vetrine, cosa non semplice dato siamo in piena stagione di saldi e la strada è tutta un formicolio di gente.

Percorriamo comunque l’intera via fino ad arrivare nuovamente sul lungo mare dove fanno bella mostra di sé gli atelier più sofisticati. Mi diverto a fare un po’ di “shopping visivo”, poiché dopo una sbirciatina ai prezzi mi accorgo che le cifre sono veramente inaccessibili, seppur in ribasso del 50%.

Terminata la lunga sfilata di negozi arriviamo alla bella piazza centrale proprio di fronte al porto. E’ ora di pranzo e decidiamo di consumare un buon piatto di pesce in uno dei numerosissimi ristoranti: optiamo per uno spaghettino con gamberi arricchito da un favoloso pesto color paglierino, probabilmente a base di zafferano, che non avevo mai assaggiato prima (pensavo esistesse solo quello Genovese…). Assolutamente da riprovare a casa!

Due passi per raggiungere la macchina e siamo pronti per ripartire, questa volta in direzione del Principato di Monaco, per toccare con mano i luoghi in cui è vissuta la più bella di tutte le principesse, la mitica Grace Kelly.

Laura Simoncelli
Dopo il diploma di liceo scientifico, si laurea all’Univeristà Cattolica di Brescia nel 2004 in Lettere e Filosofia. Collabora con Fondazione Civiltà Bresciana e Bresciaoggi con stesura di articoli sportivi, cronaca e tempo libero. Dal 2004 al 2017 fa parte della redazione di popolis. E’ docente di italiano e storia presso le scuole medie e superiori