Brescia – Anno 1584. A tanto risale l’opera mistica di San Giovanni della Croce (1542 – 1591) che tratta “dell’esercizio d’amore tra l’anima e Cristo Sposo“.

E’ il “Cantico Spirituale” di cui, nell’originario testo spagnolo, è attesa un’interpretazione fra note melodiche e canore, con la voce recitante di padre Angelo Lanfranchi, nell’antica chiesa di San Pietro in Oliveto, al civico 10 di via Castello a Brescia, alle ore 20.30 di sabato 3 novembre, con ingresso libero e gratuito.

L’iniziativa, nel calendario delle proposte spirituali che il corso del 2018 seguita ad offrire ad un possibile itinerario personale di condivisione valoriale, è presentata dal “Movimento Ecclesiale Carmelitano” e dalla “Associazione Culturale Archa” che attiene alla medesima impronta del carisma alla base della tradizione religiosa del “Monte Carmelo”, condividendone la peculiarità della corrispondente ispirazione ideale.

In questo appuntamento multidimensionale, è offerta la possibilità di una personale immedesimazione in quell’elevato stile ermetico che è caratteristico del “Cantico Espiritual”, nella testuale versione speculare a sua denominazione originale, che è affidata alla soprano Laura Fabris ed al coro della “Nuova Accademia degli Addormentati – Giovane ensemble vocale Polifonico Città di Rovigo“, per la direzione del maestro Marco Scavazza, sulla base della musica di Cecilia Vettorazzi, pure figura preposta alla direzione ed alla concertazione dell’evento, in cui anche la parte strumentale, fra violini, violoncello ed organo, è attesa in un corrispondente assortimento, rispettivamente affidato a Lorenzo Gugole e Andrea Marmolejo Ortiz, a Barbara Bertoli ed a Vittorio Zanon, nell’ordine di citazione degli strumenti menzionati.

Tale rappresentazione, in omaggio al santo spagnolo, fra i religiosi eminenti della “Controriforma”, autore del testo interpretato, ha il patrocinio ed il contributo del “Comune di Brescia”, della “BCC del Garda”, di “Polito Ferramenti”, di “Netsion Managed Services Provider”, di “RCS Tecnoimpianti”, di “Effeservice”, di “Visioniterne”, e di “Sanisystem”.