Pescarolo ed Uniti (Cremona) – Tutte le Associazioni di Pescarolo sono sempre molto attente a coinvolgere nelle loro attività gli alunni delle scuole locali, grazie certamente ad una buona collaborazione con gli insegnanti.

Recentemente avevamo scritto delle mascherine che i volontari di Gruppo Sportivo e Pro Loco, stavano preparando, non eravamo entrati nel merito quale destinazione avessero i prodotti che stavano realizzando. In questi giorni abbiamo avuto modo di accertare che ancora una volta, erano proprio gli alluni della materna di Pieve Terzagni e della primaria di Pescarolo ad essere interessati. Così, ringraziando i volontari per averci informato dei loro programmi, abbiamo avuto modo di seguirli e poter fissare alcuni attimi.

A tutti le famose mascherine, lasciando ai bambini con l’aiuto certamente degli insegnanti, esprimere il meglio della loro fantasia nel dipingere le loro maschere. Facendo riferimento anche alle richieste degli insegnanti i volontari a Pieve Terzagni, oltre alle mascherine, hanno portato dei giochi, mentre alla primaria materiale vario per la didattica. In questo caso l’incontro si è svolto nel cortile e si è concluso con il coinvolgimento dei bambini nel coro, mancando i coristi adulti, con il Maestro Alberto a fare da Direttore nel canto classico del momento “è sa vuri savi dè chè paes sun me, me sun dè Pescarol el Paes di fasulon. Viva l’amor, viva l’amor e chi lo sa far. Putost dè to la duna, me todi na gilera e giri matina e sera, ma la duna la todi no. Putost dè to el marito me todi na’ cavrèta ghè fò mangia l’erbèta, ma el marito el todi no”.

Un coro al quale ci siamo uniti anche noi ospiti. Tutti abbiamo cercato di dare il meglio per creare l’atmosfera del carnevale, inevitabili gli applausi finali, un piccolo segnale di quei bellissimi momenti di socializzazione che purtroppo il covid ci ha rubato.
Speriamo di tornare presto alla normalità quotidiana.