di Flavia Vighini e Carina Viotti

Con la firma dell’accordo quadro con la Comunità di San Bernardino de Milpillas si è conclusa la missione di Cassa Padana in Messico e precisamente nello stato del Durango che, come forma e posizione, ne è il cuore.

San Bernardino è una comunità indigena che basa la propria economia prevalentemente sul taglio delle essenze arboree e sulla lavorazione del legname. In questa comunità, piuttosto distante ed isolata da Durango città, si tratterà di costituire da zero una cassa di credito cooperativo che incentivi il risparmio e dia accesso al credito, condizioni necessarie per l’avvio di uno sviluppo sostenibile del territorio ed il miglioramento delle condizioni socio-economiche del popolo della comunità, che ad oggi non ha una struttura bancaria di riferimento che le permetta di accantonare i ricavi delle vendite del legname.

Lo Stato del Durango, informato delle esperienze di cooperazione internazionale promosse da Cassa Padana, ha selezionato inoltre altre due esperienze pilota per le quali la Cassa di Leno dovrà offrire assistenza tecnica al fine di trasformarle in casse di credito cooperativo: la Caja Solidaria di Poanas ed il Banco Hipodromo della città di Durango. Le due realtà hanno la forma giuridica di “società civile”, ma dalla pubblicazione della Legge sul Risparmio e Credito Popolare del 2001, sono state invitate ad adeguarsi ai requisiti delle due uniche forme di organizzazione di finanza popolare riconosciute per legge, con opzione di riorganizzarsi secondo la forma di società cooperativa o di società per azioni.

La maggior parte delle casse solidarie hanno optato per la forma cooperativa. Questa forma permetterà di dare maggior sicurezza ai soci sulla solidità delle cajas e dovrebbe essere di sprono per la promozione del risparmio. La Caja Solidaria di Poanas si trova a 70 km dalla città di Durango ed è una realtà con tre sportelli funzionanti e ben consolidati.

L’accoglienza riservata a Cassa Padana è stata eccezionale, a dimostrazione di quanto le aspettative su questa cooperazione internazionale siano alte. Cristina, il Direttore della Caja di Poanas, ci ha mostrato con orgoglio alcuni progetti da loro finanziati: con 70.000 pesos (circa 4.500 euro) una donna sola e con due figli a carico ha potuto acquistare alcune vacche da latte ed avviare una produzione casearia, con 10.000 euro un giovane socio ha potuto attrezzare un capannone per l’allevamento di polli ed aumentare il benessere della sua famiglia.

È chiaro che le possibilità imprenditoriali che offre questo territorio in termini di risorse naturali ed umane sono elevate; a questo dato di fatto si aggiunge la forte coesione sociale dei suoi abitanti che è un elemento fondamentale per la riuscita di progetti di cooperazione. Il terzo accordo firmato è stato con il Banco Hipodromo che ha sede nella città di Durango: si tratta della realtà più evoluta tra quelle selezionate dallo Stato del Durango, con sei sportelli ed una crescita esponenziale registrata nell’ultimo decennio.

Sarà comunque necessario accompagnare questa cassa verso la conversione in società cooperativa, affinché non perda la propria motivazione durante l’iter burocratico. Con la firma di questi accordi quadro, che scadranno a dicembre 2009, con possibilità di rinnovo, lo Stato di Durango e Cassa Padana auspicano un’espansione di questo tipo di finanza cooperativa che in Europa, e non solo, ha dimostrato, con la sua centenaria esperienza, di essere un fattore decisivo per la sostenibilità dell’economia di un paese.