Pescarolo ed Uniti (Cremona) – Nel rispetto di quella che ormai è una tradizione, nella serata di sabato 16 dicembre si è svolta presso il Museo del Lino, la tradizionale cena di fine anno, con l’auspicio generale che non sia l’ultima. Molto interessante quel tavolo all’ingresso che i volontari avevano riempito di colori bellissimi, quanto buonissimi erano gli ingredienti di quanto preparato con cura per l’aperitivo di apertura della serata.

Oltre cento i partecipanti all’appuntamento che si è tenuto nella Sala del Rattoppo. Dopo l’aperitivo al tavolo sono stati serviti agnolotti in brodo, fatti in casa, in famiglia chi tirava la pasta, altri il ripieno e infine il completamento dell’opera a chi aveva il dito migliore per fare “i marubin cul dit” come secondo, un arrosto di guancialino con verze, dolci a non finire e tutti di ottima produzione casalinga. Ancora una volta lo staff degli addetti ai lavori, ha confermato di saperci fare e tutti hanno apprezzato e si sono complimentati per l’ottima cena.

Poi non poteva mancare il momento di una visita all’esposizione, che ha raccolto come sempre unanimi consensi. La serata si è completata con la chitarra e il canto di una bravissima interprete delle canzoni di un tempo, un momento bello e apprezzato. Purtroppo, essendo fuori programma, pochi sono stati gli applausi degli ultimi rimasti. L’auspicio di tutti è stato di poterci rivedere il prossimo anno.