Tempo di lettura: 3 minuti

Cremona – Sabato 8 luglio, alle ore 20, Piazza del Duomo a Cremona si colora di bianco e di azzurro: i colori di “Occhi Azzurri Onlus“, l’associazione scelta quest’anno dalla Compagnia delle Griglie per il Progetto Mec 2017.

640 ospiti circa partecipano a una cena speciale all’ombra del Torrazzo, l’inizio è previsto tra le ore 20 e le 21 con un aperitivo di benvenuto, allietati da un  jet set allestito nella zona del Battistero. Le autorità aprono la serata con un saluto a tutti i partecipanti, mentre il servizio ai tavoli vede come protagonisti i ragazzi disabili delle associazioni che hanno beneficiato del Progetto Mec negli anni scorsi. A seguire la cena tra le 21 e le 22,45 animata da numerosi artisti.

L’idea è quella di vestire la piazza come un giardino, con erba sintetica e piante vere, per poter cenare come in un’aia di una cascina tipica delle nostre campagne. Gli ospiti sono invitati a prediligere il colore azzurro per il dress code, con gli uomini con camicia o polo o t-shirt azzurra e le donne abito bianco con accessorio azzurro.

I posti sono limitati ma per gli associati c’è una prelazione: chi è interessato a partecipare può prenotare scrivendo a info@occhiazzurrionlus.org.

“Occhi Azzurri Onlus” è un’Organizzazione di Volontariato, nata dall’esigenza di una famiglia di affrontare una patologia genetica rara di cui è affetto Orlando, uno dei figli di Ruvioli Filippo presidente della stessa associazione, dagli occhi azzurri incredibilmente azzurri e profondi. L’organizzazione ha come finalità principale la promozione della crescita di Orlando e quella di bambini con patologia affine, verso l’autonomia personale, attraverso una serie di attività come l’ampliamento delle conoscenze scientifiche sulla malattia e l’aggiornamento sull’evoluzione di studi, ricerche, tecniche ed eventuali terapie, attraverso il dialogo con medici specialisti e tecnici della riabilitazione, la consultazione di testi e riviste, la partecipazione a congressi ed eventi sul tema.

Durante la serata sono previsti momenti musicali, interviste e approfondimenti. Uno in particolare tanto atteso quanto scientificamente importante: un collegamento con Riccardo Sabatini da San Francisco, fisico cremonese, che si occupa proprio della ricerca e dello sviluppo nel campo della genetica e del DNA. Lui ha preso per mano la famiglia di Orlando, e la sta aiutando nel percorso difficile di approccio al percorso della malattia del piccolo. Poiché lo studio del DNA è al centro delle ricerche dell’associazione, la serata rende protagonisti i bambini, che devono costruire una grande catena di DNA fatta di Lego. La serata prevede un finale mozzafiato a sorpresa.

Riccardo Sabatini, cremonese, laureato in fisica, una passione per la fisica quantistica e un dottorato a Trieste è il genio italiano del DNA. Invitato a parlare in apertura al Ted 2016, la più grande conferenza mondiale sulle “idee che cambiano il mondo”, fa salire sul palco il suo guru Craig Venter e incanta tutti con la sua trovata: una grande libreria di 175 volumi, scritti soltanto con le quattro lettere A, T, G e C. Le lettere del genoma. Sabatini ha frequentato la scuola media Virgilio e poi l’Aselli a Cremona e, nonostante oggi lavori in giro per il mondo con base a S. Francisco, ha accolto l’invito dei ragazzi della Compagnia delle Griglie con grande affetto e umanità, caratteristica che il giovane cremonese (classe 1981) non ha mai perso.

L’associazione “Compagnia delle Griglie” nasce nel 2003 e deve il suo nome all’attività primaria di cui si occupa: organizzare grigliate estive sullo spiaggione del fiume Po. Dato il successo di questi eventi, la struttura dell’associazione si è espansa per dar risposta ad un pubblico sempre più vasto ed entusiasta. Compagnia delle Griglie pertanto, ha iniziato in seguito ad occuparsi anche di feste in locali pubblici e feste private per occasioni speciali. Dopo un profondo lutto che ha toccato uno dei membri, dal 2009 l’associazione ha profuso tutte le sue energie verso scopi benefici e ha fondato il “Progetto Mec”.

Leggi anche:
Gli occhi azzurri di Orlando

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *