Tempo di lettura: 2 minuti

 “Villaggi che dovrebbero essere cancellati, per un livello di radiazioni tale da ammorbare senza ambiguità, invece esistono e resistono”, popolati da gente che preferisce “nutrirsi di radionuclidi in un luogo tra i più intossicati al mondo, piuttosto che morire di fame in Kazakistan, in Moldavia, in Daghestan”.

Sono stati i nuovi occupanti delle località confinanti con la “zona morta” attorno all’ex centrale nucleare di Chernobyl, a spingere la giornalista Emanuela Zuccalà a tornare a 20 anni dalla tragedia sui luoghi del disastro e a raccontarli oggi in un e-book pubblicato da Infinito Edizioni.

copertinaIl volume digitale unisce il reportage realizzato lungo il confine della “zona morta” attorno all’ex centrale, “in un viaggio di quattrocento chilometri tra la Bielorussia e l’Ucraina” con un’inchiesta che fa il punto sulle contraddizioni esistenti tra quanto affermano i documenti ufficiali con le rilevazioni di alcuni studi indipendenti, sugli effetti delle radiazioni nel luogo del disastro.

I dati pubblici dell’Unscear (Comitato scientifico delle Nazioni Unite per lo studio degli effetti delle radiazioni ionizzanti) e il governo ucraino affermano che il pericolo è passato, ma le indagini indipendenti di Greenpeace e di Legambiente asseriscono che chi è tornato o si è trasferito a vivere sui terreni e nelle case nei dintorni della centrale è costantemente a rischio.

“Oggi, oltre cinque milioni di persone continuano a vivere in aree contaminate della Russia, dell’Ucraina e della Bielorussia – sottolinea Zuccalà – circa 270.000 non si sono mosse da quelle che l’Unione Sovietica aveva battezzato “zone di controllo permanente”, perché a elevata presenza di radiazioni”.

La giornalista spiega che poiché le radiazioni si sono diffuse ”a macchie” sul territorio, nel dubbio tante campagne altamente inquinate restano popolate e “negli anni queste terre malate sono diventate persino meta di immigrazione da Paesi ex sovietici più poveri: Moldavia, Daghestan, Kazakistan, Georgia”. “Le case vuote abbondano, i raccolti pure. La radiazione non si vede e non si sente”.

Diverse le testimonianze raccolte, come quella, toccante del figlio di uno uno dei “liquidatori” della centrale di Chernobyl, inviati a spegnere il rogo del reattore, a evacuare l’area e a costruire in fretta e furia il sarcofago protettivo sul nucleo.

“Avevo sedici anni, nel mio villaggio facevo la fame. Mio padre aveva lavorato in Ucraina e io avevo sentito che qui in Bielorussia c’erano case abbandonate da occupare e campi liberi da coltivare. Così sono venuto a Khomjenki, ho scelto una casa, quella in condizioni migliori, e ho trovato lavoro in una stalla poco lontano. Adesso la dirigo io”.

“Mi sono trasferita a Khomjenki perché c’è lavoro: siamo solo trenta abitanti, tanta gente è andata via perché i boschi sono contaminati. Io ho i noduli alla tiroide, mia figlia Natalja ha problemi di stomaco e Dimitri sente dei rumori al cuore. Ma stiamo bene qui”, afferma un’altra donna.

Il volume ricorda come sul pianeta ci sono 442 centrali nucleari attive e 65 in fase di realizzazione. Una di queste è nella vicina Bielorussia, ampiamente colpita dalla nube radioattiva di Chernobyl.

CONDIVIDI
Redattore Sociale
Il Network di Redattore sociale raggruppa diverse iniziative di informazione, documentazione e formazione sui temi sociali. A promuoverle è la Comunità di Capodarco di Fermo, dal 1966 una delle organizzazioni italiane più attive nell’intervento a favore di persone in difficoltà e oggi diffusa in varie regioni. Motore di questa rete è la redazione dell’Agenzia giornalistica quotidiana Redattore sociale, nata nel febbraio 2001 ed oggi attiva su un portale web riservato agli abbonati.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *