Tempo di lettura: 2 minuti

Chiari, Brescia. Parlando di benessere è di rigore volgere il proprio sguardo verso le discipline orientali e al contempo è inevitabile chiedersi quale sia il punto d’incontro con il nostro stile di vita. Le numerose attività in programma a Chiarissima 2018 si propongono di indagare questo universo con un approccio divulgativo, per consentire a tutti di avvicinarsi al vivere naturale a trecentosessanta gradi.Ci sono tutte le “ricette” del buon vivere, sano, attento al corpo e all’anima nell’ottava edizione di Chiarissima, il Festival del Ben-essere e della vitalità 11, 12 e 13 maggio a villa Mazzotti, splendida dimora Liberty circondata dal grande parco, orgoglio della città di Chiari.

Chiarissima è una tre giorni dedicati alle discipline olistiche e bio-naturali, all’alimentazione sana, al consumo critico, alle buone pratiche nel campo dell’economia green e a tutto ciò che conduce alla consapevolezza di sé in armonia con il mondo.Il cammino di Chiarissima prosegue con entusiasmo per riportare in Villa Mazzotti e nel suo ampio parco la splendida atmosfera delle edizioni precedenti. Un percorso ricco di sorprese e novità, come sempre a ingresso libero e gratuito. Yoga, Taijiquan, Shiatsu, Ayurveda, Meditazione e più in generale le discipline olistiche saranno il cuore dell’evento, pensato per diffondere la cultura del benessere. Centotrenta espositori selezionati contribuiscono alla realizzazione del progetto. E poi show cooking, spettacoli, appuntamenti per bambini e molto altro ancora.

Chiarissima apre quest’anno con il Manifesto per la nona edizione dedicato a: innamorarsi della Terra: 

  • La nostra Terra martoriata. Bottiglie di plastica, lattine, sacchi di immondizia, rottami, sigarette. Non sono più i fiori spontanei a colorare i margini dei campi e il letto dei canali, ma la varietà infinita dei nostri rifiuti abbandonati. Rifiuti che l’acqua, un tempo cristallina, raccoglie, trascina ed impasta nella terra.
  • Per quanto la maltratteremo? Così la Terra, da sempre generatrice di cibo e di vita, si trasforma lentamente in un triste sepolcro. Ma per quanto tempo ancora potrà nutrirci questo suolo martoriato, già spremuto e drogato dalla chimica? Per quanto tempo pretenderemo da esso più di quanto è in grado offrirci? Tra noi e la terra si è infranto un legame profondo e antico. Non tutto però sembra perduto.
  • Ci sono semi di speranza. Vicino e lontano si vedono uomini e donne che tornano ai campi lungo nuovi sentieri. Mettono radici dove ieri giacevano solo ruderi di casolari e dal sudore della loro fronte rifioriscono i legami un tempo spezzati. Piccole comunità ricreano alleanze solidali con la terra, i cui frutti genuini sono nuovamente riscoperti, onorati e custoditi: il loro esempio si diffonde e la loro esperienza diventa fondativa di una nuova società.
  • L’omaggio alla rivoluzione verde. La IX Edizione del Festival Chiarissima vuole essere un omaggio a Madre Terra, ai pionieri della nuova agricoltura, ai custodi dell’ambiente e della biodiversità. Sono loro i fautori di un mondo nuovo e di una nuova umanità, gli attori di una rivoluzione verde, equa e sostenibile. Una rivoluzione giusta che riempie l’aria del profumo della speranza e che, se compiuta, restituirà all’uomo la vera libertà.
CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *