Tempo di lettura: 2 minuti

Gambara (Bs) – In inglese e francese non c’è differenza fra suonare e giocare. In inglese per entrambe si dice “to play”, in francese “Jouer”. Questo è il pensiero del cantautore Charlie Cinelli e del maestro Francesco Andreoli che è anche un po’ il manifesto di questo nuovo progetto – “elaborato” da questi due imprevedibili artisti bresciani – che debutterà a Gambara, Sabato 18 Marzo, alle ore 21, nella locale Palestra Comunale.

Interpellati riguardo a questa nuova idea non hanno parlato di certo di “lavoro” o di “fatica musicale” – come spesso si fa in occasione della presentazione di nuovi progetti artistici – hanno preferito usare il termine “gioco”, proprio perché di gioco stiamo parlando. Infatti, quest’ultimo spettacolo si configura (nelle intenzioni del nostro duo) come un divertissement musicale, un’unione trasversale di due generi “non certamente distanti”, una originale contaminazione stilistica e “geografica” tra il cantautore folk-rock della valle Trompia e il direttore e arrangiatore della bassa. Tutta questa operazione nasce sotto l’ottica di quello che hanno definito un gioco appunto, che si sviluppa grazie a una incredibile duttilità musicale, conseguita da tanti anni di attività artistica nei quali hanno continuamente sperimentato, creato, giocato con le note …e con le parole.

“Charlie sinfonico”, questo è il titolo del concerto, ripropone in chiave classica alcuni pezzi più significativi di Charlie Cinelli. La rivisitazione del maestro Francesco Andreoli però non ha voluto togliere nulla alla freschezza del prodotto originale: attraverso arrangiamenti caldi e avvolgenti di un’orchestra da camera di 30 elementi, ha cercato solo di sottolineare le peculiarità delle composizioni dell’amico Cinelli.

Lo spettacolo propone 13 brani tratti da diversi album del poliedrico cantautore, una simpatica “cover” di Francesco Guccini, (“Il bello” dal disco “Opera Buffa” del 1973) e 3 inediti composti per l’occasione dalla ditta Andreoli Cinelli. Insomma, si tratta di un vero excursus musicale completo, dove si alternano sonorità leggiadre e scherzose (come nei temi della Ninna nanna del Malghese e de La mia Nonna), altre profonde e melanconiche (come Sura al pont de Dragoti e Paes), altre maestose e incalzanti (come Semiramide e Mester).

Il debutto, come abbiamo anticipato, avverrà a Gambara, in occasione della tradizionale Fiera di San Giuseppe organizzata dall’amministrazione comunale, e sarà anche occasione per aiutare le popolazioni di Ussita, un centro in provincia di Macerata colpito pesantemente dal terremoto.

L’orchestra che asseconderà gli estri e le invenzioni musicali di Cinelli e Andreoli sarà la “S. Cecilia” di Gambara: un ensemble nato nel 1996 e formato dai migliori allievi della scuola di musica intitolata a Cornelio Andreoli e da i loro insegnati, tra i quali Lino Megni, Matteo Andreoli ai violini, Luigi Andreoli alla viola e Marco Zante al violoncello.

 

CONDIVIDI
Daniela Iazzi
Cremonese di origine, studentessa a Milano e residente a Fidenza. Frequenta la Bocconi e si specializza in Arte, cultura e comunicazione. Lavora dal 2005 presso la Fondazione Dominato Leonense di Leno, dove promuove la storia del Monastero benedettino “Ad Leones” e attività di promozione del territorio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *