Tempo di lettura: 2 minuti

Una località termale fuori dal tempo, un hotel anni ’40, un luogo che sposta il presente
chissà dove. Non il passato, la vita trascorsa di Ornella Vanoni, ma la rivelazione – attuale
– della sua intimità, esibita attraverso una relazione: il rapporto con la regista.

L’energia, il carattere, la musica, i confronti, il caldo, la fatica. Tutto viene ripreso senza
risparmiare niente, nemmeno le discussioni tra Ornella ed Elisa. Il film asseconda quello
che naturalmente Ornella genera e si piega all’imprevisto, al presente.

E poi gli incontri con gli amici, i musicisti, Vinicio Capossela, Samuele Bersani, la tromba di Paolo Fresu che risuona negli spazi vuoti del grande albergo dove tra giornate identiche scandite da cure e trattamenti, prende spazio il racconto, la memoria, ma anche il futuro mentre Ornella si prepara a diventare creatura fantastica fatta di voce e sogno, destinata all’eternità.

Dopo l’anteprima mondiale alle Giornate degli Autori, nell’ambito della 78a Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, Senza Fine di Elisa Fuksas con Ornella Vanoni arriva in sala con I Wonder Pictures e Unipol Biografilm Collection.

Un film che racconta la straordinaria vita di una delle artiste più amate della musica italiana.

Un hotel termale degli anni ’40, assolutamente fuori dal tempo. Il luogo perfetto per raccontare una storia Senza fine, quella della vita di Ornella Vanoni, che si svela alla regista Elisa Fuksas senza risparmiarsi. Tra un massaggio e una sauna, le memorie si fanno tangibili e il futuro assume la forma dell’eternità.

 Elisa Fuksas è regista e scrittrice. Tra i suoi documentari: L’Italia del nostro
scontento, FFR: For Future Reference, Black Mirror. A Journey With Mat Collishaw e ALBE, un documentario di fantascienza. Il suo primo film è Nina del 2012 con Luca Marinelli e Diane Fleri. Nel 2019 ha diretto The App per Netflix. Ha pubblicato tre romanzi, il più recente dei quali, Ama e fai quello che vuoi, sulla sua esperienza di fede. Nel 2020 ha diretto iSola, un documentario interamente girato con l’iPhone e presentato alle Giornate degli Autori.