Tempo di lettura: 2 minuti

Multe vecchie non pagate? Morosità per la retta della mensa dei figli? A Milano i cittadini gravati da debiti verso l’amministrazione comunale potranno risolvere il problema offrendo tempo e braccia per lavori utili alla collettività.

E’ stato pubblicato l’avviso pubblico per partecipare alla prima esperienza in una grande città del “Baratto amministrativo“, pratica collettiva prevista dallo “Sblocca Italia”.

Il baratto è destinato a quei cittadini che hanno debiti maturati fino al 2013 e per un valore minimo di 1.500 euro per tributi comunali quali Ici, Imu, tarsi, tares, tari, violazioni del codice della strada, pagamenti per servizi resi dall’amministrazione.

“Sarà solo per quei cittadini con un reddito Isee non superiore a 21 mila euro e in debito per un motivo incolpevole -spiega Francesca Balzani, vicesindaco e assessore al Bilancio-, come per esempio la perdita del lavoro. Il baratto amministrativo ha quindi una forte valenza sociale”.

Tra i motivi che rendono “incolpevole” il debito, oltre alla perdita del lavoro, c’è la riduzione del reddito oltre il 30% per cassa integrazione o riduzione dell’orario di lavoro, problemi di salute o variazioni nella composizione del nucleo familiare che provocano un calo delle entrate.

Potranno approfittare del baratto amministrativo anche le ditte individuali. Ogni ora di lavoro prestata avrà un valore di 10 euro.

“Per realizzare il progetto ci affideremo a un tutor, che può essere un’associazione o un ente (individuata attraverso un bando, ndr) -spiega la vicesindaca-. Il tutor organizzerà materialmente tutte queste attività e cerchiamo uno sponsor che metta le risorse per la fornitura dell’attrezzatura necessaria”.

Tra i lavori che i debitori potranno svolgere, coordinati dal tutor, ci sono la pulizia e lo sgombero di cantine, la tinteggiatura di locali e scale, la verniciatura di recinzioni. In particolare, si inizierà dalla pulitura dei pavimenti in pietra nella sede della Zona 4, dalla tinteggiatura dei locali di ingresso della Zona 6, il rifacimento dei servizi igienici del centro di aggregazione (Cam) di zona 8 e l’imbiancatura di altri Cam.

CONDIVIDI
Redattore Sociale
Il Network di Redattore sociale raggruppa diverse iniziative di informazione, documentazione e formazione sui temi sociali. A promuoverle è la Comunità di Capodarco di Fermo, dal 1966 una delle organizzazioni italiane più attive nell’intervento a favore di persone in difficoltà e oggi diffusa in varie regioni. Motore di questa rete è la redazione dell’Agenzia giornalistica quotidiana Redattore sociale, nata nel febbraio 2001 ed oggi attiva su un portale web riservato agli abbonati.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *