Nella 15ª ed ultima giornata di ritorno del campionato di serie A2 femminile chiude in bellezza la neopromossa capolista Multimedica Geas Sesto San Giovanni (Orozovic 12) che supera in casa nel match clou di giornata la vice capolista B&P Autoricambi Costa Masnaga (Baldelli 16), mentre al 3° posto sale la Ecodent Alpo Villafranca (Zampieri 18) che cede nel finale sul campo della Tecmar Crema (Parmesani 15). Ai piedi del podio finisce la Ecoprogram Castelnuovo Scrivia (Colli 15) che cede in casa per mano della Velcofin Vicenza (Brcaninovic 20 punti e 15 rimbalzi).

Alle spalle della compagine piemontese troviamo come detto la Tecmar Crema che vincendo in casa contro le scaligere supera la coppia veneta composta da Rittmeyer Giants Marghera e Velcofin Vicenza. Le lagunari (Llorente e Granzotto 12) vincono di poco sul non facile campo della Fassi Gru Albino (Bonvecchio e Panseri 9), mentre le beriche a sorpresa sbancano il campo dei scrivensi e mantengono 2 punti di vantaggio sulla coppia composta da Il Ponte Casa d’Aste San Gabriele Milano e Delser Udine.

Le milanesi (Toffali 18) perdono a sorpresa in casa contro il Fanola San Martino di Lupari (Keys 26 punti e 15 rimbalzi) che grazie a questo successo rimane in serie A2, mentre le carniche (Vicenzotti 22) vincono con qualche difficoltà contro le sarde della Techfind San Salvatore Selargius (Gagliano e Lussu 14) e staccano la Fassi Gru Albino sconfitta a domicilio dalla Rittmeyer Giants Marghera.

Nella seconda parte della classifica si salva l’Itas Alperia Bolzano (Fall 16) che perde sul campo sardo del Cus Cagliari (Sorrentino 13) che grazie a questo successo compie un’impresa che sembrava impossibile e condanna Selargius ai playout dopo la sconfitta subìta ad Udine e la contemporanea vittoria esterna del Fanola San Martino di Lupari sul campo de Il Ponte Casa d’Aste San Gabriele Milano.

Insieme alla compagine sarda a disputare i playout troviamo anche le milanesi de Il Carosello Carugate (Zelnyte 27 punti con 11 su 12 al tiro e 10 rimbalzi) che davanti al pubblico amico si aggiudica lo scontro diretto per evitare la retrocessione diretta contro la G&G International Pordenone (Smorto 14) che chiude all’ultimo posto in classifica a soli 2 punti dalla possibile salvezza.