Tempo di lettura: 2 minuti

Cremona. “Il pianismo di De Maria è ricco di una qualità che sembra essere un segno distintivo dei migliori musicisti italiani” così descrive il Boston Globe sul maestro Pietro de Maria che sabato 16 marzo alle ore 20,30 eseguirà brani di Chopin e Rachmaninoff nella meravigliosa cornice dell’auditorium Giovanni Averdi al museo del Violino.

Il concerto organizzato dal Lions Club del Distretto delle provincie di Cremona, Lodi, Pavia e Piacenza, ha uno scopo benefico, l’incasso difatti sarà devoluto alla LCIF, la fondazione del Lions, per la vaccinazione per il morbillo e la ricerca sul cancro pediatrico.

Nato a Venezia nel 1967, il maestro De Maria ha iniziato lo studio del pianoforte con Giorgio Vianello e si è diplomato sotto la guida di Gino Gorini al Conservatorio della sua città, perfezionandosi successivamente con Maria Tipo al Conservatorio di Ginevra, dove ha conseguito nel 1988 il Premier Prix de Virtuosité con distinzione.

Il suo repertorio spazia da Bach a Ligeti ed è il primo pianista italiano ad aver eseguito pubblicamente l’integrale delle opere di Chopin in sei concerti. Dopo aver vinto il Premio della Critica al Concorso Tchaikovsky di Mosca nel 1990, Pietro De Maria ha ricevuto il Primo Premio al Concorso Internazionale Dino Ciani di Milano (1990), al Géza Anda di Zurigo (1994). Nel 1997 gli è stato assegnato il Premio Mendelssohn ad Amburgo.

Pietro De Maria è Accademico di Santa Cecilia e insegna al Mozarteum di Salisburgo. È nel team di docenti del progetto La Scuola di Maria Tipo organizzato dall’Accademia di Musica di Pinerolo.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *