Parma. È stato inaugurato “Consultami – Spazio Indifesa, il primo punto di ascolto e sostegno rivolto a ragazze e donne vittime di violenza fisica, psicologica o economica di Terre des Hommes.

Situato nel quartiere vivo e multiculturale San Leonardo di Parma,  Consultami – Spazio Indifesa sarà uno sportello dedicato alla consulenza psicologica e legale rivolta a bambine e bambini, adolescenti, donne e famiglie del territorio e si avvarrà di un’ampia rete di professionisti e volontari. Oltre all’accoglienza e all’orientamento, l’offerta verrà estesa attraverso eventi, attività e laboratori per guidare l’utente attraverso una presa di consapevolezza e valorizzazione delle proprie risorse.

Secondo i dati elaborati dal Comando Interforze per la nona edizione del Dossier della Campagna “Indifesa”, in Italia segna un lieve calo (-1%) il numero globale di minori vittime di reato nel 2019 rispetto all’anno precedente, passando da 5.990 a 5.930, il 60,5% delle quali bambine e ragazze. Se però si prendono in considerazione gli ultimi 10 anni (dal 2009 al 2019) che mostrano un aumento del 41% di questi reati, il fenomeno della violenza sui bambini rivela tutta la sua cruda realtà con una crescita in quasi tutte le fattispecie di reato.

Record drammatico per l’Emilia Romagna, terza tra le regioni d’Italia dopo Lombardia e Sicilia, che nel 2019 ha registrato 644 casi di reati contro i minori, di cui il 59% costituito da bambine e ragazze. Il reato di maltrattamento in famiglia ha coinvolto 252 minori (+21%), di cui più della metà di sesso femminile. I reati di violenza sessuale aggravata hanno visto una crescita del + 61%, ai danni del 75% di bambine e ragazze. In aumento anche le vittime di pornografia minorile, 21, di cui l’86% di sesso femminile. Pure l’abuso di mezzi di correzione o disciplina segna un +79% nel confronto con l’anno precedente.Il progetto, sostenuto anche dai fondi raccolti attraverso la nona edizione della Campagna Indifesa, è stato realizzato grazie alla collaborazione dell’associazione di promozione sociale Intesa San Martino, il contributo di Bata, il patrocinio del Comune di Parma e la collaborazione di Aiga Parma (Associazione italiana Giovani Avvocati), Opp (Osservatorio psicologi parmensi), Fondazione Munus Onlus e Biblioteca Sociale Roberta Venturini.