Tempo di lettura: 3 minuti

Nella 4ª giornata di andata del girone Nord continua il dominio in testa alla classifica delle imbattute Parking Graf Crema, Il Ponte Casa d’Aste SanGa Milano, Rmb Brixia Brescia, Delser Crich Udine ed Autosped Castelnuovo Scrivia. Le cremasche (Conte 17) disputano una leggera seduta di allenamento e superano il fanalino di coda Vicenza priva dell’infortunata Villaruel e a partita in corso anche di Monaco e Storti e che ha avuto 11 punti da Sturma, unica atleta in doppia cifra. Insieme alle cremasche continua la serie positiva delle milanesi (Novati 15) che passano anch’esse sul campo del fanalino di coda Podofolife Treviso (Moravcikova 13), le bresciane (Zanardi 20) che solo nella seconda metà di gara prevalgono in trasferta sul campo delle Acciaierie Valbruna Bolzano (Kuijt (13), le carniche (Molnar 13) che a fatica superano una positiva Posaclima Ponzano Veneto a cui non sono bastati i 12 punti della solita Van Der Keijl ed infine le piemontesi (Gatti 18) che al termine di un match equilibrato piegano le padrone di casa della Blackiron Carugate (Tulonen 22).

Alle spalle di questo quintetto il vuoto con la coppia composta da MantovAgricoltura San Giorgio 2000 (Monica 19) che solo nel quarto prevale su una positva Alperia Bolzano (Ovner e Vella 8) e la Mep Pellegrini Alpo Villafranca (Packovski 17) che solo nel quarto finale supera il fanalino di coda Torino Teen (Isoardi 14). A quota 2 punti troviamo il quartetto composto da Posaclima Ponzano Veneto, Blackiron Carugate e le altoatesine Acciaierie Valbruna ed Alperia Bolzano; mentre chiudono ancora ferme al palo Vicenza, Podolife Treviso e Torino Teen.

Vicenza – Continua senza interruzioni lo strapotere della Parking Graf Crema che anche a Vicenza ha avuto vita facile ed ha vinto in maniera strabordante con il punteggio finale di 41 ad 81, mantenendo così la vetta della classifica a punteggio pieno.

Per questa gara coach Diamanti si presenta al gran completo schierando lo starting five composto da D’Alie, Melchiori, Nori, Leonardi e Pappalardo; mentre dall’altra parte coach Sinigaglia deve rinunciare alla bomber argentina Villaruel e poco dopo anche a capitan Monaco e Storti anch’esse in campo in precarie condizioni fisiche e risponde con Fietta, Tonello, Monaco, Mioni e Sturma. Dopo un primo quarto dominato con la Parking Graf Crema che si permette di doppiare a più riprese le incerottate beriche, nel 2° quarto la formazione di coach Diamanti concede solo 6 punti, sfruttando la giornata no al tiro e le numerose palle perse delle avversarie va all’intervallo con un rassicurante +25 chiudendo sul punteggio di 19 a 44.

Al rientro dagli spogliatoi Vicenza non segna per 5′, la Parking Graf con Conte sugli scudi aumenta ancor più il proprio vantaggio ed il 3° periodo si chiude sul punteggio di 28 a 64. Gli ultimi 10 minuti sono di puro controllo con la Parking Graf che non ancora sazia arriva a toccare le 40 lunghezze di vantaggio, divario con il quale si chiude il match sul 41 ad 81 finale.

VICENZA-PARKING GRAF CREMA 41-81
PARZIALI: 13-27, 19-44, 28-64
VICENZA: Fietta 7, Tonello 6, Monaco 5, Mioni 4, Sturma 11, Bellon n.e., Garzotto 4, Storti, Villaruel n.e., Chysanthidou, Priante n.e., Tagliapietra 4. All.: Sinigaglia.
Nessuna uscita per 5 falli, infortuni a Monaco e Storti che non sono più rientrate in campo.
PARKING GRAF CREMA: D’Alie 13, Melchiori 2, Nori 8, Leonardi 16, Pappalardo 12, Conte 17, Capoferri 2, Radaelli n.e., Caccialanza, Parmesani n.e., Rizzi 4, Vente 7. All.: Diamanti.
Nessuna uscita per 5 falli.
ARBITRI: Mulas di Quartu Sant’Elena (CA) e Zara di Oristano.