In arrivo 5 milioni di euro per sostenere il settore tessile, moda e accessori ai sensi del Decreto Rilancio. Possono beneficiare dell’aiuto le piccole imprese non quotate, costituite da non più di 5 anni, con particolare riguardo alle start-up che investono nel design e nella creazione.

Tali soggetti devono svolgere almeno una delle attività riportate nell’elenco dei codici ATECO ammessi.

L’incentivo è diretto a finanziare progetti innovativi e tecnologici con importo compreso fra 50 mila e 200 mila euro. Rientrano fra le spese ammesse l’acquisto di macchinari, impianti e attrezzature nuovi di fabbrica; brevetti, programmi informatici e licenze software; formazione del personale (max 10%), e spese relative al capitale circolante (max 20% per materie prime, servizi, godimento di beni di terzi, personale).

E’ riconosciuto un contributo a fondo perduto nella misura massima del 50 per cento delle spese ammissibili, nel limite dei fondi disponibili.

La pubblicazione del bando è prevista a breve, la valutazione sarà a sportello.