Tempo di lettura: 2 minuti

Sabato 19 marzo, le porte dell’Aula Magna dell’Università Statale di Milano si apriranno per accogliere la XXII Giornata per la lotta alla Sclerodermia, promossa dal GILS ONLUS.

Un’occasione per gli ammalati, i loro famigliari, i medici, i ricercatori e le istituzioni per confrontarsi e imparare a conoscere sempre più a fondo la Sclerosi Sistemica: una patologia cronica, autoimmune, che colpisce soprattutto le donne.

LOCANDINA GILS_CONVEGNO“La Sclerosi Sistemica: dal Fenomeno di Raynaud alle nuove terapie” è il tema scelto dagli ammalati con il Comitato Scientifico per questo convegno, che affronterà le sfaccettature e le manifestazioni cliniche di una malattia complessa che necessita – quindi – di un approccio multidisciplinare per poter giungere a una diagnosi precoce e bloccarne così l’avanzare.

Gli argomenti saranno molteplici: dall’interessamento vascolare e le sue complicanze, al fenomeno di Raynaud e la vasculopatia fino all’interessamento cutaneo, cardiaco e polmonare. Tutto senza dimenticare le strategie e i nuovi approcci terapeutici riguardanti le ulcere digitali, il trattamento dell’ipertensione polmonare, della fibrosi cutanea e d’organo.

Il GILS vuole toccare tutti gli aspetti di una patologia dai mille volti, coinvolgendo i medici e gli specialisti che da anni lavorano con attenzione e passione al suo fianco , alcuni impegnati, oggi, nelle “Scleroderma Units”, «progetto nato dalla collaborazione con alcune Aziende Ospedaliere per riuscire a creare ambulatori specialistici che favoriscano non solo la diagnosi precoce, ma che ottimizzino anche il follow-up del percorso terapeutico dei pazienti», spiega Carla Garbagnati Crosti, presidente del Gruppo Italiano alla Sclerodermia.

Il GILS è da sempre al fianco degli ammalati con i medici, gli infermieri e le Istituzioni, perché, solo compatti e lavorando in rete, si possono raggiungere gli obiettivi più importanti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *