Tempo di lettura: 2 minuti

Ferrara. – Il teatro dovrebbe crescere assieme ai suoi frequentatori – è da questa premessa che Ferrara Off ha sviluppato il variegato calendario di corsi che proprio in questi giorni sta presentando alla città, dieci proposte per far crescere il teatro assieme ai suoi frequentatoriteatro

L’offerta formativa che accompagnerà la stagione 2016/2017 è stata pensata per essere davvero aperta a tutti, giovani e anziani, neofiti e professionisti: oltre ai corsi di recitazione, drammaturgia e danza contemporanea vi si trovano attività specifiche dedicate ai bambini, laboratori per adolescenti e ragazzi, un corso di danza speciale ideato per coinvolgere le persone più mature.

– Continuiamo ad ampliare il ventaglio delle nostre proposte – spiega Roberta Pazi, tra i fondatori di Ferrara Off – nella convinzione che il teatro sia uno spazio aperto: aperto nei confronti della città e dei suoi abitanti, che hanno età, interessi ed esigenze diverse, aperto nei confronti del mondo. Per questo valorizziamo le capacità degli artisti cresciuti a Ferrara, e parallelamente cerchiamo di intercettare altri nomi riconosciuti a livello nazionale e internazionale. Vorremmo che il loro talento lasciasse il segno non solo tra il pubblico che assiste agli spettacoli, ma anche tra le persone interessate a un’esperienza di scambio diretto».signum-corso-di-danza-per-signore-e-signori-a-ferrara-off

I corsi, che cominceranno la, saranno dieci: cinque di teatro e cinque di danza. Li condurranno attori, registi e danzatori la cui biografia è allo stesso tempo radicata nel territorio e abituata al confronto con le più interessanti produzioni italiane ed europee. Assieme a Roberta Pazi ci saranno Marco Sgarbi, Natasha Czertok, Davide Della Chiara, Officina teatrale A_cturar, Chiara Tarabotti, Caterina Tavolini, Elisa Mucchi, Marco Marinetti, Paola Tomasotti. Li affiancheranno durante l’anno workshop e approfondimenti realizzati assieme alle compagnie chiamate a comporre la stagione di prosa, che verrà inaugurata a breve.

– La formazione è un processo in divenire, non si esaurisce – conclude Roberta Pazi -. Per questo abbiamo voluto coinvolgere tutte le età della vita e comprendere molteplici discipline dello spettacolo che, prendendo in prestito un termine francese, potremmo chiamare Arti Viventi, fatte di persone, di idee, di movimento. Ci stiamo impegnando affinché ogni anno di più lo spazio in cui Ferrara Off ha trovato casa, i vecchi magazzini sul baluardo di viale Alfonso I d’Este, riconvertiti tre anni fa in sale adatte alla rappresentazione, possa crescere e far crescere –danza

Per i bambini verrà avviato il corso dedicato al teatro comico e il propedeutico alla danza classica. Per i ragazzi recitazione e il laboratorio teatrale per spazi non convenzionali. Per gli adulti recitazione, scrittura teatrale, danza contemporanea, ricerca coreografica e tango. Infine per le persone più mature, interessate a migliorare la propria flessibilità in modo dolce, uno speciale laboratorio di danza “per signore e signori”.

Le descrizioni dettagliate dei corsi e il programma completo delle loro presentazioni è disponibile online al sito www.ferraraoff.it. Per maggiori informazioni e iscrizioni: info@ferraraoff.it  / 3336282360.

 

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.