Tempo di lettura: 3 minuti

Crema prova a muovere la classifica dopo quattro stop consecutivi, affrontando in trasferta l’Urania Milano, quest’anno denominata Super Flavor.

Finalmente in formazione completa, dopo alcuni turni con diverse assenze, i rosanero cremaschi hanno anche avuto il tempo per assimilare al meglio nei meccanismi di gioco gli ultimi tre arrivi, Brighi, Forti e Rotondo.

La situazione di classifica mette Montanari e compagni con le spalle al muro, costretti a cercare punti in ogni occasione per migliorare una classifica che non dà alcuna sicurezza per il raggiungimento dell’obbiettivo primario, ovvero la permanenza in serie B.

Attualmente Crema dovrebbe disputare i playout, senza avere il vantaggio dell’eventuale terso incontro sul terreno amico. L’avversario di sabato sera è probabilmente il peggiore da prendere in questo momento.

Il quintetto tipo dell’Urania Milano, in in striscia positiva da cinque partite, vede generalmente in cabina di regia il playmaker Simoncelli, la guardia Scanzi, specialista nelle promozioni, l’ala piccola Piatti, l’ala grande Eliantonio e il pivot Piunti, vincitore lo scorso anno con Cento. Dalla panchina ecco il play Santolamazza , la guardia Toffali, l’ala piccola Negri ed il pivot Paleari, capitano della formazione milanese.

Completano il roster gli under Sedazzari e Albique.

Milano è una squadra esperta ed organizzata, costruita per vincere il campionato e quando sono stati al completo hanno sempre dimostrato tutto il loro valore. In regia si affidano all’esperienza e alla qualità di Simoncelli e Santolamazza, le ali sono Scanzi e Negri, entrambi dotati di ottimo tiro dalla distanza (53% il primo, 45% il secondo). Sotto canestro Eliantonio, Piunti e Paleari formano uno dei migliori pacchetti lunghi del campionato, visto che sommati insieme fanno 36,1 punti e 18.5 rimbalzi di media.

Un roster profondo ed in salute come quello dei Wildcats è in grado di portare in doppia cifra almeno 7 giocatori. Massiccia sotto le plance, con Piunti ed Eliantonio, la formazione di coach Villa è mortifera dall’arco, con Santolamazza a guidare una pletora di tiratori che sconsiglia fortemente il ricorso alla zona se non in casi di estrema necessità. Prova ne sia il 39% nel tiro da tre punti, soluzione che la Super Flavor penalizza a favore del gioco interno, visto che è quart’ultima del torneo come numero di tentativi dall’arco.

Ci presenta l’incontro l’assistant coach cremasco Erich Franchini: “Finalmente dopo qualche settimana siamo al completo. Urania è una squadra in un grande periodo di forma, che è in una striscia di 5 vittorie consecutive di cui le ultime 2 da più di 30 punti di scarto. Sono una squadra esperta, composta da giocatori con passato importante in A2 o che hanno già vinto la serie B. Il primo terminale offensivo è Andrea scanzi, guardia/ala che tira col 54% da 3 punti e capace di punire ogni minimo errore difensivo con un tiro o una penetrazione. Il play titolare è Simoncelli, dotato di cambi di velocità fulminanti, l’ultimo esterno è il tiratore Andrea Negri. Il quintetto è chiuso da Giorgio Piunti (205, vincitore degli ultimi 2 campionati di serie B) e da Giacomo Eliantonio, lungo con mani morbidissime e ottimi movimenti spalle a canestro. Dalla panchina Riccardo Santolamazza, playmaker di 195 cm. dotato di grandi letture di gioco, il capitano Paleari come cambio per i lunghi, e il classe ’98 Toffali, scuola Olimpia Milano. Urania è una squadra che ultimamente gioca non più di 5/6 schemi, volti a creare un vantaggio interno con un blocco per i lunghi o esterno con le uscite dei tiratori. Crema per stare in partita dovrà aggredire la gara sin dall’inizio, limitando le disattenzioni per evitare di far entrare in ritmo i tiratori e lottare in post basso per non farsi sigillare spalle a canestro“.

Si gioca sabato alle ore 20.45 al Palaiseo di Milano.