Tempo di lettura: 2 minuti

Dopo i due incontri di Scandiano la serie di playout tra BMR Reggio Emilia e Pallacanestro Crema si sposta al PalaCremonesi.

Dopo ben quattro incontri disputati, due in regular season e due di post season, le due formazioni si conoscono ormai a memoria e ben poco resta da inventare ai due strateghi Eliantonio e Garelli.

La condizione fisica, quando si arriva al mese di maggio, fa ovviamente la differenza, e la strepitosa rimonta sfiorata dai leoni cremaschi nel secondo tempo di gara 1 testimonia che il serbatoio delle energie fisiche in casa cremasca non ha ancora la spia rossa accesa, come si è visto nei 40’ di gara due.

Diverso il discorso psicologico, dato che Montanari e compagni devono necessariamente fare bottino pieno nei due incontri casalinghi per evitare un’insidiosa gara cinque in campo avverso, a dispetto delle tre sole affermazioni conquistate in stagione sul terreno amico.

Mai così misero in casa nei campionati di serie B il bottino dei cremaschi, chiamati a sfatare il tabù PalaCremonesi.

Sul piano tattico bisognerà, come fatto in gara due, evitare di presentarsi in difesa con la “coperta corta”: se nel ritorno della stagione regolare erano stati i lunghi di Reggio Emilia, in particolare Gatto, ad affossare Crema, a Reggio Emilia in gara 1 la differenza l’hanno fatta gli esterni emiliani, in particolare Marchetti, micidiali nel tiro da tre e capaci di mettere a segno 33 punti nei primi 10′ con un roboante 65% dal campo.

In casa propria gli uomini di Garelli dovranno disputare gare perfette o perlomeno senza sbavature evidenti per girare il vento dalla propria parte.

Il pubblico cremasco è chiamato a fare la differenza, in una serie nella quale ogni dettaglio può decretare quale delle due formazioni sarà ai nastri di partenza della prossima serie B.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *