Tempo di lettura: 2 minuti

Quadri, moretti, tavolini, specchi dorati, console, candelabri, ceramiche: sono 38 i pezzi della cosiddetta eredità Somenzi che sabato 27 gennaio andranno all’asta. Pezzi preziosi, custoditi fino a oggi dalla Fondazione Città di Cremona su incarico degli eredi, e che vanno all’asta nella stessa casa del gioielliere scomparso nel dicembre 2011.

La maggior parte del ricavato dell’asta servirà all’azienda Cremona solidale di ristrutturare la palazzina storica del centro geriatrico cremonese. Il resto sarà suddiviso fra gli eredi decisi del gioielliere cremonese fra cui la domestica, il canile e il gattile cittadini.

Quando se ne è andato a 80 anni, nel Centro geriatrico che proprio lui assieme alla sorella aveva contribuito a fondare, Somenzi aveva già organizzato tutto.

Non avendo né moglie né figli e avendo perso l’amata sorella solo 7 giorni prima, nel testamento del marzo 2007 Somenzi  lasciava il 90% del suo ingente patrimonio agli anziani e al Centro (stimato in alcuni milioni di euro),e il resto equamente suddiviso tra cani e gatti. 

Ancora oggi a Cremona ricordano il gioielliere come un uomo elegante, raffinato, generoso, fedele frequentatore del teatro Ponchielli, con un negozio a pochi passi dal Torrazzo e un altro, per un certo periodo, a Porto Cervo in Sardegna, dove conobbe e servì la mitica Audrey Hepburn. 

Sabato in quella che fu la sua casa di via Oscasali, privati e istituzioni potranno aggiudicarsi il magnifico trumeau veneziano (base d’asta 7500 euro con rilanci di almeno 500 euro), la preziosa coppia di nature morte (si parte da 7000 con rilancio da 300) oppure il quadro del mare in tempesta o il piccolo letto per il quale si parte da 100 euro.

Nel bando sono pubblicate le foto degli arredi e dei mobili. Chi fosse interessato a partecipare all’asta, è invitato a trasmettere richiesta tramite mail alla fondazione Città di Cremona: segreteria@fondazionecr.it.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *