Tempo di lettura: 4 minuti

Vescovato (Cremona) – Il pomeriggio di sabato scorso, 6 aprile, è stato importante non solo  per la comunità di Vescovato, ma per tutto il territorio che fruisce dei servizi della Cremona Soccorso.

Una realtà che si è ufficialmente presentata  ai cittadini con  l’inaugurazione della nuova struttura adibita a Poliambulatori.

Numerose le autorità presenti , oltre al Sindaco di Vescovato, ad altri sindaci dei comuni limitrofi, da Ostiano il Presidente Coppola della Fondazione Pari,  una rappresentanza  della protezione Civile , guidata dal Presidente  Giancristofaro, in rappresentanza anche  dell’Associazione dei carabinieri in congedo.

E’ toccato alla brillante volontaria Cristina, in qualità di coordinatrice degli interventi delle autorità  dare la parola a Amedeo Bonazzoli, ideatore del  progetto  poiliambulatori.

Nato  nel 1998 in occasione di “parametri in piazza”. Un’iniziativa, ha proseguito Bonazzoli,  che ci portava a contatto con la gente  e dalla quale è nata la proposta di avere ambulatori migliori. Così nasceva un progetto, forse un po’ ambizioso, ma che si svilupperà ulteriormente per dare alla nostra gente  servizi migliori, tra le varie ipotesi  anche  un centro prelievi.

Così Cremona Soccorso  da una sede in un sottoscala della palestra , grazie al lavoro dei volontari  cresceva,  arrivando ,oggi a mettere a disposizione della comunità di Vescovato, e comuni  limitrofi 3 ambulatori  d’eccellenza e all’avanguardia,  oltre ad uno infermieristico dove sarà presente un’infermiera ,  convenzionata, sia  con i vari medici  che con la Fondazione Pari di Ostiano.

Sui finanziamenti ,  ritenendo corretto che la gente sappia , ha precisato ,in parte abbiamo utilizzato le nostre disponibilità , oltre all’accensione di un mutuo  per 25 anni per un importo di 400.000 euro .Un importo che a volte non ci lascia sonni tranquilli, ma siamo fiduciosi che ce la faremo.

Come volontariato, non sempre avevamo i soldi pronti per pagare chi ha lavorato e per questo un doveroso grazie Bonazzoli l’ha rivolto a tutti coloro che hanno lavorato  per concretizzare queastp progetto,  citando l’impresa edile muratori di Gussola, l’idraulico Migliorati, gli elettricisti Vignetti e Panzera,  il geometra Negri e i suoi collaboratori.

Bonazzoli ha concluso con un grazie particolare a Confartigianato per l’offerta di un rinfresco speciale  e ai volontari che hanno offerto la presenza del gruppo musicale “la compagnia dell’ago di Cremona “, che pur in formazione ridotta  si è esibita poi in canti tratti da importanti colonne sonore di film.

Bonazzoli  ha avuto poi un omaggio floreale e, unitamente alla Presidente Livia Cornale , un grazie da Cristina e un applauso dal pubblico. Soddisfazione e apprezzamenti  sono stati espressi dal Sindaco Bonfanti Maria Grazia, per tutte le componenti di Cremona Soccorso Onlus per la realizzazione sia dell’ambiente nel suo complesso , con ambulatori  funzionali e accoglienti,  gestito in convenzione con AST e la Fondazione Pari con la quale il comune è convenzionato ,da alcuni anni, per servizi  ai cittadini .

Condividendo  l’idea del punto prelievi ,ha concluso il Sindaco ha assicurato che la pratica per l’attivazione del servizio, di competenza comunale, è già stata avviata .

Cristina ha poi passato la parola a Sergio Facchetti Presidente della Federazione Nazionale volontari Soccorso  che nacque nel 2008 per evitare il dispedersi in tanti rivoli del volontariato .

Nel 2010 aderì anche la Cremona Soccorso e quando venni sul posto  per un sopraluogo, di fronte al progetto che mi presentò Bonazzoli gli dissi “tu sei pazzo” .Oggi di fronte a quanto è stato fatto  non Ppsso ’ che complimentarsi . Con questo l’Associazione dimostra di vedere lontano in quanto  entrerà poi a far parte della rete  nazionale “misericordia e Solidarietà”. Sul finanziamento ricorda a tutti l’adesione al 5 per mille.

Complimenti per il lavoro fatto, sono stati espressi dal Direttore Sanitario Riccardo Merli , con la realizzazioe di una struttura, motivo di orgoglio per Vescovato.

Cristina ha poi chiamato sul palco  i dottori Bandioli e Dodi  e Perricone che, in qualità di portavoce   hanno espresso  un grazie a tutti per la partecipazione al comune per la sensibilità verso la salute pubblica e a tutti color che hanno avuto la pazienza di attendere questo momento.

A Cremon a Soccorso  un grazie per la  costanza e l’impegno per raggiungere l’obiettivo , guardando al futuro r e ricordando che la collaborazione è la vera fonte di speranza per il futuro. Il Dottor Rizzi Ugo Direttore del 118 Ha portato i saluti e i complimenti del regionale , mentre Massimo Rivoltini Presidente di Confartigianato ha  trovato in quanto realizzato lo spirito dell’Associazione che sarà sempre vicina  a Cremona Soccorso ,  portando anche in questa sede un punto di riferimento  della propria attività a servizio del territorio.

Chiudeva la serie degli interventi  Monsignor Attilio Arcagni  con i complimenti a quanto fatto  e la benedizione della nuova struttura.

Cristina a questo punto invitava tutti al  momento del taglio del nastro e la visita agli ambulatori . Il pomeriggio si concludeva con un ricco rinfresco offerto da Confartigianato allietato dalla musica  della compagnia dell’Ago.

Ricordiamo una sintesi di cos’è Cremona Soccorso oggi , proprietaria dell’immobile all’ angolo di via Garibaldi con Ghinaglia adibito a ricovero  10 ambulanze e tre vetture doblò., 70 volontari e 25 dipendenti, svolge servizi in convenzione con il 118, con  l’ATS per tasporti dializzati, e con l’ospedale per trasporti secondari. Garantisce una presenza costante all’acciaieria Arv edi con automezzo e equipaggio, oltre alla disponibilità di due automezzi all’impianto sportivo di San Martino del  Lago,  oltre a servizi in occasione di feste e manifestazioni varie.

CONDIVIDI
Giampietro Masseroni
Classe 1940. ex sindaco di Pescarolo, appassionato estimatore del proprio territorio, del quale conosce- e riporta- vita, morte e miracoli...

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *