Tempo di lettura: 2 minuti

Milano. Una mostra sul celebre fumettista di “Valentina” come copertinista di vinili 33 giri. Guido Crepax, pseudonimo di Guido Crepas, è stato un fumettista italiano. Inizia a lavorare nel campo dell’illustrazione e della grafica mentre frequenta la facoltà di architettura, realizzando manifesti pubblicitari e copertine di libri e di dischi. Nel 1957 diventa famoso per la sua campagna pubblicitaria della Shell, ricevendo la Palma d’oro.

Nel 1963 entra nel mondo del fumetto per non uscirvi mai più. Dà luce al personaggio che lo ha reso celebre, Valentina, ideato nel 1965 e caratterizzato da una forte carica erotica. Valentina appare per la prima volta sul numero 3 di «Linus», rivista fondata e diretta da G. Gandini, ed è ispirata all’attrice del cinema muto Louise Brooks. Il suo stile ha profondamente influenzato il mondo del fumetto erotico europeo dalla seconda metà del XX secolo.

Alla sua prima “vita” da grafico è dedicata la mostra “Crepax a 33 Giri, sino al 19 febbraio alla galleria Nuages di Milano, galleria nata nel 1981 con l’idea precisa di rivolgere il proprio lavoro all’illustrazione, al disegno umoristico e al fumetto sino a quel momento considerate arti applicate. Ha ospitato in questi anni illustratori, disegnatori e autori di fumetti come Andrea Pazienza, Hugo Pratt, Emanuele Luzzati, Moebius, José Muñoz.

Prima di diventare un maestro del fumetto e creare Valentina, Guido Crepax è stato il primo copertinista italiano di vinili. È questa la prima esposizione dedicata al lavoro realizzato da Crepax nel mondo della discografia italiana e non solo. In esposizione esclusivi disegni originali, che comprendono alcune copertine, una serie di ritratti inediti di maestri del jazz e una piccola selezione di tavole a fumetti dedicate al jazz e al mondo della musica. Oltre ai disegni fanno parte dell’esposizione una selezione di circa sessanta copertine presenti nel volume e alcuni spartiti musicali originali.

Alla mostra è strettamente legato il volume “Crepax a 33 giri”, realizzato da Archivio Crepax per Vololibero Edizioni e BTF, che sarà disponibile in galleria. Nelle pagine del libro si trova la raccolta completa dei 300 art work di dischi realizzati da Crepax tra il 1953 e il 1999. Impreziosiscono l’opera una storia a fumetti colorata in esclusiva per questa pubblicazione dall’Archivio Crepax e numerose testimonianze e contributi di artisti.