Tempo di lettura: 2 minuti

Parma nel 2020 sarà Capitale della Cultura Italiana, coinvolgerà tutti i settori dal turismo, all’ambiente, dalla mobilità al sociale, con le istituzioni del territorio ed il sistema privato, oltre i confini della città, fino a promuovere e raccogliere l’energia dell’intera Emilia. Un grande progetto e da tempo sta gettando le basi per una serie di eventi.

In questi giorni pubblicato il bando “Cultura per tutti, cultura di tutti”, promosso dal Comune di Parma in partnership con l’Istituto per i beni artistici, culturali e naturalistici dell’Emilia-Romagna. A due anni esatti dall’inizio dei lavori che hanno portato Parma ad ottenere il titolo di Capitale italiana della Cultura 2020, parte ufficialmente la prima delle open call previste dal programma che si svolgerà anche con la collaborazione del Tavolo per le Disabilità del Comune di Parma.

Il bando rimarrà aperto fino alle ore 12 del 16 gennaio 2020.

Obiettivo

“Cultura per tutti” intende rendere i musei accessibili a categorie di pubblico quali giovani e famiglie, anziani e stranieri, soggetti con disabilità fisica o psichica, e lo farà stimolando l’ideazione e lo sviluppo di servizi o prodotti modellizzabili e scalabili, ispirati al design 4all.

In un tempo in cui la funzione dei musei sta cambiando, passando da luoghi esclusivamente di conservazione e tutela a spazi d’incontro e partecipazione sempre più attenti ai visitatori e all’importanza di vivere una vera esperienza nell’arte, la call vuole stimolare i creativi a presentare soluzioni che possano accrescere la fruibilità dei musei e promuovere l’inclusione dei pubblici, proponendo nuove forme di approccio alla fruizione culturale, in particolare creando strumenti e percorsi che avvicinino ai musei chi non vi può accedere o a causa di limiti fisici o per una maggiore limitazione nella comprensione, a causa di barriere linguistiche, cognitive, sensoriali.

A chi è rivolta?
La call è rivolta a persone fisiche, soggetti privati, associazioni e fondazioni, enti del terzo settore chiamati a presentare proposte progettuali che potranno essere relative a una o più sedi museali regionali.

Opportunità formative
Parma 2020 con questa call intende altresì promuovere il diffondersi di una cultura della progettazione accessibile, volta al coinvolgimento e al raggiungimento di un numero sempre maggiori di pubblici. Per questo motivo durante la caIl saranno sviluppate alcune attività formative finalizzate a supportare il radicarsi di tali competenze, anche attraverso la conoscenza di progetti realizzati e analisi di luoghi significativi.

Premi
La call si concluderà con l’assegnazione di premi per un valore totale di € 12.500, alle prime cinque proposte progettuali classificate, secondo una graduatoria che sarà stilata dalla Commissione presposta, sulla base di quanto specificato nel bando.

Il bando

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *