Tempo di lettura: 2 minuti

Leno (Brescia) – Mercoledì 1 febbraio, alle 15.00, un pomeriggio dedicato all’arte: alla Libera Università saranno ospiti le guide dell’associazione ScopriBrescia per raccontare i “retroscena” della mostra: “Da Hayez a Boldini: anime e volti della pittura dell’Ottocento”, aperta dal 21 gennaio a Palazzo Martinengo a Brescia.

Questa esposizione arriva dopo il successo delle mostre dedicate a “Il Cibo nell’Arte” e ai Vedutisti di Settecento e Ottocento, organizzate dall’Associazione Amici di Palazzo Martinengo e dal curatore Davide Dotti, che tornano con una grande esposizione dedicata alla pittura italiana dell’Ottocento.
Un titolo che stuzzica il grande pubblico e gli esperti d’arte, che tra le sale del palazzo ammireranno capolavori di: Francesco Hayez, Giovanni Boldini, Antonio Canova, Giovanni Segantini, Giovanni Fattori, Pellizza da Volpedo, Angelo Inganni, Girolamo Induno, Il Piccio, Andrea Appiani, Tranquillo Cremona e molti altri.

Oltre cento dipinti selezionati, provenienti da prestigiose collezioni pubbliche e private, permettono di compiere un appassionante viaggio alla scoperta dei massimi esponenti del neoclassicismo, del romanticismo, della scapigliatura, dei macchiaioli e del divisionismo.
Tutti nomi di grandi artisti che preannunciano dunque una mostra straordinaria assolutamente da non perdere.

Ma chi era Hayez? Chi erano gli amanti rappresentati nella famosa tela “Il Bacio”? O lo sapevate che il celebre ritratto di Giuseppe Verdi con il cilindro è stato realizzato da Boldini? e che Antonio Canova prese spunto da un affresco di Ercolano per realizzare il gruppo scultoreo “Amore e Psiche”?

“Romanticismo, impressionismo e realismo: una panoramica sull’arte dell’Ottocento in Europa”: questo il titolo dell’incontro che si terrà a Leno. Tante curiosità, aneddoti e vicende che aiuteranno quindi a comprendere le opere, inquadrando il periodo storico e il contesto in cui questi grandi artisti hanno creato dei capolavori immortali.

L’incontro di mercoledì 1 febbraio anticipa la visita guidata prevista per la settimana successiva, mercoledì 8 febbraio. Con partenza da Leno, il gruppo della Libera Università si recherà a Brescia per ammirare le splendide opere in un tour guidato da ScopriBrescia.

CONDIVIDI
Daniela Iazzi
Cremonese di origine, studentessa a Milano e residente a Fidenza. Frequenta la Bocconi e si specializza in Arte, cultura e comunicazione. Lavora dal 2005 presso la Fondazione Dominato Leonense di Leno, dove promuove la storia del Monastero benedettino “Ad Leones” e attività di promozione del territorio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *