Tempo di lettura: 3 minuti

Fiorenzuola D’Arda, Piacenza. La valle del grande fiume risuona delle note del blues e jazz e l’estate sigla il gemellaggio tra il Mississippi e il Po con la XIII Edizione del festival in programma il 14, 15 e 16 Luglio in piazza Molinari a Fiorenzuola D’Arda.

Dal Mississippi al Po si appresta a coronare la tredicesima edizione con la tre giorni di appuntamenti letterari e musicali internazionali in scena nel week end centrale di luglio. La formula di questi eventi resterà quella classica di Dal Mississippi al Po, che fin dalla sua prima edizione si propone di creare una sinergia costante tra autori e pubblico: incontri informali in un fluire reciproco di idee e vibrazioni.

Nato e cresciuto a Piacenza, il festival di Fedro negli ultimi anni ha assunto sempre più la forma di un festival diffuso, con appuntamenti che si tengono in location diverse, tra Piacenza, la sua provincia e anche “oltre confine”, per diverse settimane di programmazione. Quest’anno la sezione internazionale di Dal Mississippi al Po si ferma a Fiorenzuola, grazie ad un’importante sinergia che si è venuta a creare con il comune e che si concretizza per il terzo anno consecutivo: già nelle ultime due edizioni, infatti, il cuore pulsante del centro storico della cittadina della Val d’Arda, aveva ospitato importanti rassegne legate al festival.

L’edizione 2017 corona questa collaborazione e, se tante sono le novità, una inevitabile conferma sta nella scelta della location: Piazza Molinari, con una quinta d’eccezione a far da sfondo agli appuntamenti serali, il sagrato della Collegiata di San Fiorenzo.

Il festival aprirà le porte venerdì 14 luglio alle ore 19 con il primo degli incontri letterari ad “orario aperitivo”, che si terranno anche sabato e domenica alla stessa ora. Dopo un breve stacco, il programma riprenderà alle 21, con un nuovo appuntamento con autori e giornalisti a cui seguirà la musica dal vivo. Tante le novità, ma anche molti punti saldi che restano imprescindibili per la riuscita di questo evento. Innanzitutto verrà mantenuto, e come potrebbe essere diversamente, il legame simbiotico tra musica e letteratura, che si concretizzerà in incontri letterari conditi da tanta musica dal vivo e concerti introdotti dalle sapienti parole di chi fa della scrittura la propria ragione di vita.

Qualche ritorno e tanti volti nuovi nel calendario degli appuntamenti letterari della tredicesima edizione del festival: autori e giornalisti a chiacchierare di libri e di musica, letteratura noir ma anche poesia.

La forza dell’offerta musicale di Dal Mississippi al Po sta nella contaminazione. È stato così nelle precedenti edizioni, sarà così anche per questa edizione. Come da tradizione è il blues la colonna portante del festival piacentino, ma negli anni si è sempre più sporcato di jazz, soul, folk, rock’n roll.

Per tutte le serate del festival sarà festa grande in Piazza Molinari: a partire dagli aperitivi (non solo letterari) del bar “I tre mori”, alle specialità proposte dalle associazioni del paese, che si occuperanno degli stand gastronomici. In caso di maltempo, tutti gli appuntamenti saranno sposatati al coperto, all’interno del Teatro Verdi.

Il programma. 

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *