Tempo di lettura: 3 minuti

L’Agenzia Nazionale per i Giovani – ente vigilato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dalla Commissione Europea, che si occupa per l’Italia dei programmi europei rivolti ai giovani – ha assegnato circa 5 milioni di euro a 261 progetti proposti, gestiti e realizzati da associazioni giovanili e gruppi informali di minimo 5 giovani, nell’ambito del terzo round di valutazione dei programmi Erasmus+ Gioventù in azione e Corpo Europeo di Solidarietà.

Nello specifico, le risorse europee sono andate a 148 progetti di Erasmus+:Gioventù per 3.623.781,00 euro di fondi impegnati e 113 progetti approvati in Corpo europeo di solidarietà per un impegno fondi pari a 2.256.267,80 di euro.

Grazie ai progetti Erasmus+ approvati saranno coinvolti 4707 partecipanti nelle azioni di mobilità e di dialogo strutturato, di questi il 35% sono giovani con minori opportunità. Dal punto di vista geografico, per il solo Round 3, il 53% dei progetti si svolge nel Sud e nelle Isole, il 31% nel Nord e il 16% nel Centro Italia. Le regioni che hanno avuto il maggior numero di progetti sono Sicilia, Campania, Puglia, Lazio e Veneto.
Il numero dei partecipanti per il programma Corpo Europeo di Solidarietà è di 380 persone coinvolte di cui 363 volontari. Tra questi, 291 svolgeranno la loro attività in ospitalità in Italia e 72 giovani residenti in Italia svolgeranno in altri Paesi europei il proprio servizio. Le regioni più attive sono Lombardia, Sicilia, Campania, Puglia e Lazio, confermando la correlazione tra il programma ESC e la vivacità del Terzo Settore in quei territori.

Con l’approvazione delle graduatorie del terzo round si chiude l’annualità 2019. L’Agenzia Nazionale per i Giovani ha impegnato la totalità delle risorse assegnate all’Italia dalla Commissione Europea per i progetti Erasmus+ per l’anno 2019, che sono pari a 11.313.709,60 di euro. Attraverso tali risorse sono stati approvati complessivamente 398 progetti sui 1510 che le associazioni italiane hanno presentato.

Il 42% dei beneficiari è alla propria prima esperienza nel Programma Erasmus – Gioventù in azione e ciò riflette l’impegno profuso nell’arco dell’anno per aprire il Programma anche a nuovi organismi non ancora beneficiari delle opportunità messe in campo dalla Commissione europea per i giovani.

Tali progetti consentiranno di coinvolgere 18461 giovani di tutta Europa. L’Agenzia nazionale sottolinea di aver posto “particolare attenzione al carattere inclusivo e al coinvolgimento delle parti più fragili dei giovani: infatti quasi un terzo dei giovani sono soggetti con minori opportunità o con bisogni speciali, e tale impegno ed attenzione verranno consolidati anche nel 2020″.

Dal punto di vista geografico il 51% dei progetti si svolge nel Sud e nelle Isole, il 33% nel Nord e il 17% nel Centro Italia. Le regioni che hanno avuto il maggior numero di progetti sono Sicilia; Campania; Piemonte; Lazio e Puglia.

“Può considerarsi vinta la sfida del neonato programma Corpo Europeo di Solidarietà”,  si legge: nonostante sia entrato a regime solo quest’anno, ha visto impegnato un importo superiore a 7 milioni di euro.  L’impegno di tali risorse incide su 264 progetti approvati rispetto alle 414 proposte presentate, di cui il 70% dei beneficiari è alla propria prima esperienza nel Programma ESC.

Grazie ai progetti approvati, 1607 giovani potranno fruire delle opportunità ESC, di cui oltre il 40% con minori opportunità o con bisogni speciali. Dal punto di vista geografico il 42% dei progetti si attua nel Sud e nelle Isole, il 41% nel Nord e il 17% nel Centro Italia. Le 5 regioni che hanno avuto il maggior numero di progetti approvati sono Lombardia, Sicilia, Campania, Puglia e Lazio, confermando la correlazione tra il programma ESC e la vivacità del Terzo Settore in quei territori.

“Questi numeri ci restituiscono un 2019 vincente. Un anno che ci ha visto protagonisti sui territori con le iniziative Oggi Protagonisti e Ang inRaio grazie alle quali siamo entrati in contatto con la parte più vivace, più attenta all’Europa: i giovani. Aver letto grande entusiasmo nei loro occhi, aver ascoltato il loro entusiasmo nel raccontarci i progetti, ci da una motivazione in più per cercare di fare ancora meglio nel prossimo anno”, commenta Domenico De Maio, direttore generale dell’Agenzia Nazionale per i Giovani.
Le scadenze 2020 per presentare progetti Erasmus+ ed ESC sono 5 febbraio, 30 aprile e 1 ottobre.
CONDIVIDI
Redattore Sociale
Il Network di Redattore sociale raggruppa diverse iniziative di informazione, documentazione e formazione sui temi sociali. A promuoverle è la Comunità di Capodarco di Fermo, dal 1966 una delle organizzazioni italiane più attive nell’intervento a favore di persone in difficoltà e oggi diffusa in varie regioni. Motore di questa rete è la redazione dell’Agenzia giornalistica quotidiana Redattore sociale, nata nel febbraio 2001 ed oggi attiva su un portale web riservato agli abbonati.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *