Brescia. «Ieri cantavo i vinti, oggi canto i futuri vincitori: i nomadi, le infinite prinçese, chiunque coltivi le proprie diversità con dignità e coraggio, attraversando i disagi dell’emarginazione con l’unico intento di rassomigliare a se stesso, è già di per sé un vincente» le parole sono del più grande poeta e cantautore contemporaneo: Fabrizio De André, tratte dal libro a cura di Fondazione Fabrizio De André Onlus.

A vent’anni dalla scomparsa del cantutore e poeta genovese Fabrizio De André, la città di Brescia dal 12 aprile al 4 maggio, dà9 vita alla prima edizione del Festival De Andrè. Evento promosso dall’associazione Cieli Vibranti con la direzione artistica di Alessandro Adami e in collaborazione con numerose realtà musicali del territorio. L’obiettivo è realizzare un’iniziativa musicale popolare e offrire un contributo agli studi sulla figura del cantautore coinvolgendo gli istituti scolastici, realtà attive nell’ambito della promozione culturale, cooperative sociali e le carceri.Il programma:

Venerdì 12 aprile  Le iniziative promosse in questa giornata sono coordinate da Giorgio Cordini, storico musicista di Fabrizio De André, e mirano in particolare al coinvolgimento di bambini e ragazzi per trasmettere loro l’eredità culturale ed artistica del cantautore. A Castel Mella presso l’Auditorium “Giorgio Gaber” alle ore 10 la presentazione di una mostra e di videoclip dedicati a De André prodotti dagli studenti della scuola primaria locale, a lui intitolata. Esibizione di danza, letture espressive e videoclip degli studenti del liceo “De André”  e concerto di un gruppo musicale composto da quindici studenti del liceo “De André”. L’incontro tra gli studenti e tre musicisti che hanno condiviso il palco con il cantautore genovese: Giorgio Cordini, Mario Arcari ed Ellade Bandini, che a seguire si esibiranno in concerto.

Liceo “De André” alle ore 16 l’inaugurazione di una mostra di fotografie e memorabilia dedicata al cantautore a cura di Walter Pistarini e Rolando Giambelli La mostra resterà aperta fino al 4 maggio Alle ore 16.30 la presentazione del libro “I miei otto anni con Fabrizio De André” di Giorgio Cordini presso l’Auditorium del Collegio Lucchini. Alle  ore 21 “Un Mondo a più voci” concerto del trio formato da Ellade Bandini, Giorgio Cordini e Mario Arcari, con la partecipazione di Alessandro Adami. Una serata aperta a tutti, ma dedicata in particolare agli studenti universitari.

Lunedì 29 aprile alla Cascina Parco Gallo alle ore 18.30: “Fabrizio De André, Artigiano della Canzone”, il metodo compositivo di De André. Lezione a cura di Martina Vavassori e presentazione del suo libro. Musica dal vivo.

Venerdì 3 maggio alla casa di reclusione di Verziano alle ore 15.30 “Dai Diamanti Non Nasce Niente” Flora Zanetti e Matteo Buizza, letture Alessandro Adami, voce e chitarra tre voci e tre generazioni per un incontro che presenta alcune canzoni di Fabrizio De André dedicate al tema degli ultimi.

Sabato 4 maggio al castello di Brescia alle ore 6: alba con Fabrizio. Risveglio tra musica e poesia, dedicato a Fabrizio De André e ai cantautori della scuola genovese. Orchestra “S. Cecilia” di Gambara – Ugo Frialdi, voce – Luciano Bertoli, voce recitante – Gianni Alberti, sax soprano – Francesco Andreoli, direttore

Piazza del mercato alle ore 10.15 e in piazza Paolo VI alle ore 11 “Mille papaveri rossi” con la  Banda Faber una passeggiata nel centro storico, bambini e ragazzi con papaveri rossi realizzati a scuola nelle settimane precedenti il festival. La passeggiata si chiuderà in piazza Paolo VI, dove i partecipanti canteranno canzoni e parteciperanno al concerto del gruppo Banda Faber, formazione bresciana nata nel 2012.

Stazioni e treni metrobus alle ore 15 sino alle 18 “Amore Che Vieni, Amore Che Vai”. Nel corso del pomeriggio, nelle vie e nelle piazze del centro storico, flash-mob musicali, reading e performance di danza, con il coinvolgimento di realtà culturali attive sul territorio (gruppi di teatro, scuole di musica e di danza, ecc.). Con gli studenti del liceo “De André”, il gruppo Somebody Teatro, l’attore Filippo Garlanda, il fisarmonicista Davide Bonetti, la cantante Laura Sirani, il pianista Giovanni Colombo e molti altri artisti.

Libreria Feltrinelli alle ore 17 “La Mia Prima Volta con Fabrizio De André”, presentazione del libro collettivo curato da Daniela Bonanni e Gipo Anfosso.

Piazza Paolo VI alle ore 20.30 “Mille anni ancora” grande concerto serale del festival. Mille Anni Ancora è un progetto dedicato a Fabrizio De André, voluto e interpretato da tre dei suoi musicisti storici: Ellade Bandini, Giorgio Cordini e Mario Arcari.

Portico di Palazzo Loggia alle ore 22.30 “All’ombra Dell’ultimo Sole”, chiusura del festival cantando i grandi successi di Fabrizio De André, Isaia Mori e Marco Pezzotta, chitarra, Andrea Casarotto, fisarmonica, Antonio D’Alessandro, banjo e chitarra a sei corde

“Cosa avrebbe potuto fare alla fine degli anni Cinquanta un giovane nottambulo, incazzato, mediamente colto, sensibile alle vistose infamie di classe, innamorato dei topi e dei piccioni, forte bevitore, vagheggiatore di ogni miglioramento sociale, amico delle bagasce, cantore feroce di qualunque cordata politica, sposo inaffidabile, musicomane e assatanato di qualsiasi pezzo di carta stampata? Se fosse sopravvissuto e gliene si fosse data l’occasione, costui, molto probabilmente, sarebbe diventato un cantautore. Così infatti è stato ma ci voleva un esempio.” Così scriveva di se stesso Fabrizio De André